Led Zeppelin, i 45 anni di “Physical Graffiti”: una canzone al giorno. “Boogie with Stu”

“Physical Graffiti” dei Led Zeppelin è uscito il 24 febbraio del '75. Per celebrare il compleanno di questo album epocale abbiamo deciso di presentarvelo integralmente, canzone per canzone, iniziando il 9 febbraio e concludendo il 24 febbraio prossimo.
Led Zeppelin, i 45 anni di “Physical Graffiti”: una canzone al giorno. “Boogie with Stu”

Buona parte dei pregi zeppeliniani della canzone derivano dal fraseggio delle percussioni, su una cornice scomodamente simile a “Ooh! My Head” di Ritchie Valens. Ecco perché un quarto dei crediti della canzone vengono intestati alla madre del giovane cantante scomparso quindici anni prima, appena diciassettenne, nello stesso incidente aereo in cui aveva perso la vita Buddy Holly.

La caratteristica parte di piano è opera di Ian Stewart, tour manager e collaboratore dei Rolling Stones. Il boogie-woogie di Stewart domina incontrastato in questa jam session del 1971, anche se Page tiene il passo con il suo mandolino country blues, mentre Robert suona qualche giro sulla chitarra acustica. La jam improvvisata prende vita mentre la band sta allestendo lo studio mobile dei Rolling Stones a Headley Grange in preparazione alle sessioni per il quarto album. Un piano presente sul posto, secondo Jimmy, era “completamente insuonabile”, eppure Stewart riesce a farlo funzionare (come aveva fatto in “Rock and Roll”).

La canzone, all’inizio ribattezzata scherzosamente “Sloppy Drunk”, termina con Bonham che viene lasciato a suonare da solo le sue percussioni. Scoppiano le risate e, dopo qualche frammento di conversazione, si passa alla traccia successiva.

Domani scriveremo di “Black country woman”.

Leggi qui la scheda di “The wanton song”

Leggi qui la scheda di “Night flight”

Leggi qui la scheda di “Ten years gone”

Leggi qui la scheda di “Down by the seaside”

Leggi qui la scheda di “Bron-Yr-Aur”

Leggi qui la scheda di “In the light”

Leggi qui la scheda di “Kashmir”

Leggi qui la scheda di “Trampled under foot”

Leggi qui la scheda di "Houses of the holy”

Leggi qui la scheda di “In my time of dying”

Leggi qui la scheda di "The Rover"

Leggi qui la scheda di “Custard Pie”​

I testi sono tratti dal libro di Martin Popoff “Led Zeppelin. Tutti gli album – Tutte le canzoni”, pubblicato da Il Castello, per gentile concessione dell’editore; al libro rimandiamo per la versione integrale dei testi di presentazione delle canzoni di “Physical Graffiti” e di tutti gli altri album dei Led Zeppelin.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/Ny4L26OpDAZJ76PwddWddv7cISg=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/ledzeppelinpopoff.jpg
Dall'archivio di Rockol - Chi ha dato il nome ai Led Zeppelin?
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.