Clash, i 40 anni di “London calling”: una canzone al giorno. “The card cheat”

In attesa di celebrarne il quarantennale della pubblicazione, il prossimo 14 dicembre, con un ampio speciale, vi presentiamo questo album epocale integralmente, canzone per canzone
Clash, i 40 anni di “London calling”: una canzone al giorno. “The card cheat”

“The Card Cheat” suona esuberante perché Bill Price e Mick Jones (Guy Stevens è stato ormai di fatto tagliato fuori in questa fase della produzione) raddoppiano le tracce dell’intera canzone, compresa quella di batteria, per avere l’effetto del Wall of Sound di Phil Spector. Il risultato è particolarmente sfarzoso grazie al pianoforte a coda e ai fiati dilaganti, per non parlare della prestazione delicata ma appassionata di Mick e del tocco leggero di Topper, simile qui a quello di Brian Downey dei Thin Lizzy. E niente chitarre!

Dal punto di vista del testo, il brano vede un giocatore d’azzardo riflettere sul fatto che sta buttando via la vita, prima di prendere l’ultima decisione sbagliata e mettere giù il re di picche che nasconde nella manica.

La goffa manovra viene smascherata e il giocatore viene sommariamente liberato da una vita di rimpianti (e alcool e oppio) da una pallottola, mentre implora invano di avere più tempo.

Il messaggio finale è che, non appena pensi di vedere in faccia la morte, assicurati di fare provvista d’amore e vita, perché non sai quando il custode del tempo ti metterà una mano sulla spalla.

Caricamento video in corso Link

Domani scriveremo di “Lover’s rock”.

Leggi qui la scheda di “London Calling”.

Leggi qui la scheda di “Brand new Cadillac”.

Leggi qui la scheda di “Jimmy Jazz”.

Leggi qui la scheda di “Hateful”.

Leggi qui la scheda di “Rudie can’t fail”.

Leggi qui la scheda di “Spanish bombs”.

Leggi qui la scheda di “The right profile”.

Leggi qui la scheda di “Lost in the supermarket”.

Leggi qui la scheda di “Clampdown”.

Leggi qui la scheda di “The guns of Brixton”.

Leggi qui la scheda di “Wrong’em Boyo”.

Leggi qui la scheda di “Death or glory”.

Leggi qui la scheda di “Koka Kola”.

I testi sono tratti dal libro di Martin Popoff “The Clash. Tutti gli album – Tutte le canzoni”, pubblicato da Il Castello, per gentile concessione dell’editore; al libro rimandiamo per la versione integrale dei testi di presentazione delle canzoni di “London calling” e di tutti gli altri album dei Clash.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/KnuEbngso7x4qxI_sy1VDNL6vSs=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/clash-popoff.jpg

Dall'archivio di Rockol - 5 curiosità sui Clash
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.