L’X Factor di Sfera Ebbasta: il commento alla prima puntata delle audizioni

La prima puntata della nuova edizione del talent. Il trapper funziona personaggio televisivo, Mara Maionchi è sempre la migliore, il resto della giuria funziona. Ma i concorrenti...

L’X Factor di Sfera Ebbasta: il commento alla prima puntata delle audizioni

Alessando Cattelan recita il concorrente tipo che arriva dicendo "La musica è la mia vita" e poi canta malissimo. Il talent, quest'anno, inizia così: un siparietto con una buona dose di autoronia, messo in scena dal conduttore. Ma è l' "X Factor" di sempre, ovvero il talent più enfatico di tutti, il più consapevole di essere "cool": l'ironia è solo un modo di dire "vedete quanto siamo bravi? Ci prendiamo pure in giro da soli, così non dovete farlo voi".
Abbiamo visto la prima puntata delle audizioni di X Factor 13: una giuria nuova che sembra funzionare e un personaggio che spicca e un po' sorprende, almeno in termini televisivi: Sfera Ebbasta. E poi c'è Cattelan: sa di essere bravo, conosce la macchina a memoria, gigioneggia, fa pure il cattivo. 
Andiamo con ordine:

Sfera Ebbasta
Si, lo sappiamo: vorreste leggere una stroncatura del trapper. Sul versante musicale abbiamo già dato, ma ora parliamo di TV. E su questo versante Sfera funziona ad X Factor: è brillante, ha la battuta pronta.
Ripetiamo: parliamo di resa sullo schermo, perché X Factor è un programma TV. Sfera Ebbasta è meglio di Fedez: sono entrambi personaggi prima ancora che cantanti, ma il pop-rapper nelle ultime edizioni del talent era apparso ombroso, chiuso. Sfera non ha il tono duro e scontroso di Fedez: sorride sempre, è più leggero, sta attento a non andare sopra le righe. Nonostante tutto, alla prima puntata, la vera sorpresa è Sfera Ebbasta.

La giuria
Si comincia indugiando sul "primo giorno di scuola" della nuova giuria: Mara fa da mentore, si vede lo sguardo spaventato di Malika prima di entrare sul palco, Samuel invece è tranquillo, Sfera che scherza: "Sono uno che non esagera".
Poco a poco i quattro si sciolgono, si lasciano andare e trovano ritmo e spazi: se non fosse per la severità in alcuni frangenti dei giudizi di Malika e Samuel, l'armonia e il "volemose bene" regnano sovrani. Il cattivo, quello che fa le battute più sarcastiche, alla fine è Cattelan. "Con quattro 'no' vai a The Voice", dice ad un concorrente. E' lui il quinto giudice. Buona la prima.

I concorrenti
Alla conferenza stampa hanno proclamato: "Quest'anno meno cover, meno effetto karaoke". E infatti: il primo concorrente canta una cover, e poi viene spinto a cantare un suo brano e scatta l'ovazione. L'ultimo concorrente, idem: una cover, poi viene forzato a fare il suo originale e funziona.
In mezzo, però, è un'altra storia: nella prima puntata si sono visti 22 concorrenti e molte cover, anche imbarazzanti: uno che si definiva "artista" ha massacrato con arroganza rara "Space oddity". Ce n'era bisogno?. 9 originali, di cui almeno 4 erano frammenti o cose improponibili. 5 su 22 avevano canzoni originali dignitose. Si è vista una concorrente notevole, la giovanissima Kimono, 16 anni e una canzone originale che mostra ben altra maturità. 
È la prima puntata, e tradizionalmente alle audizioni ci vedono casi umani (meno del solito, ma la cubista è già la vincitrice annunciata dell'Extra-Factor), non solo gli aspiranti talenti. Speriamo che Kimono non faccia la fine di Martina Attili, che nel 2018 si perse per strada:  la qualità musicale dell'edizione 2019 si capirà più avanti.

In conclusione...
Una normale puntata di audizioni: anche se la giuria è nuova per tre quarti, i meccanismi sono quelli di sempre, se si eccettua la novità che chi riceve 4 "si" va direttamente ai bootcamp (ma è una novità davvero piccolina).
Il rischio ripetizione è dietro l'angolo: vediamo se i nuovi personaggi riusciranno a trovare una loro chiave e a rendere questa edizione memorabile.

(gs)

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.