Michael Jackson, un nuovo documentario difende il Re del pop

È approdato su Amazon Prime, YouTube e altre piattaforme streaming un nuovo documentario "alternativo" al discusso "Leaving Neverland" in difesa della compianta popstar statunitense.

Michael Jackson, un nuovo documentario difende il Re del pop

A partire dalla diffusione nei mesi scorsi del discusso “Leaving Neverland”, il documentario di Dan Reed che raccoglie le testimonianze di due presunte vittime – minorenni all’epoca dei fatti - di abusi sessuali da parte di Michael Jackson, non sono mancate le levate di scudi a difesa del Re del pop, con numerose mobilitazioni in sua difesa tanto da parte del mondo della musica quanto da parte dei fan club della popstar e, ovviamente, della famiglia. Tra le più recenti iniziative in difesa della voce di “Billie Jean” è stato diffuso questa settimana un altro documentario “alternativo” a “Leaving Neverland” – che si aggiunge a “Michael Jackson: The Rise and Fall” di Jacques Peretti, annunciato nei mesi scorsi ma non ancora reso pubblico e atteso entro fine anno sulla BBC – pubblicato su Amazon Prime, YouTube e altri servizi di streaming. Intitolato “Michael Jackson: Chase The Truth”, il documentario viene così presentato nella descrizione che accompagna il video:

Assolto in vita, tornato sotto processo dopo la morte. “Michael Jackson: Chase The Truth” dà uno sguardo investigativo nelle battaglie legali della superstar. Amici stretti, persone che facevano parte del suo staff e studiosi dipingono un ritratto intimo del complicato mondo di Jackson e mettono sotto al microscopio le accuse di abusi sessuali.

Tra le testimonianze presenti in “Michael Jackson: Chase The Truth” spiccano quelle della guardia del corpo di Jackson Matt Fiddes e dell’attore Mark Lester. “È sempre una questione economica”, ha commentato il primo a proposito di “Leaving Neverland” e delle accuse rivolte al compianto artista da James Safechuck e Wade Robson contenute al suo interno, concludendo: “È dura capire come queste accuse possano essere vere”. Condividendo poi il trailer del documentario su Instagram Fiddes scrive: “Mi piacerebbe invitare Wade, James e Dan Reed a venire a sfidarci in un incontro televisivo sulla tv britannica sull’uomo che conoscevamo, il nostro amico Michael Jackson”. Quanto al regista di “Leaving Neverland”, Dan Reed, tra le tante dichiarazioni rilasciate in risposta alle critiche ricevute, il cineasta aveva detto:

Alla fine delle quattro ore è davvero difficile immaginare che qualcuno possa essere in grado di smontare una serie così consistente e sentita d’interviste. Queste persone dovrebbero essere degli attori geniali.

Inserendosi nella scia di “Leaving Neverland” l’ex moglie di Jackson Lisa Presley, che fu sposata con il cantante statunitense dal 1994 al 1996, potrebbe essere pronta, secondo le indiscrezioni pubblicate dal New York Post, a dare alle stampe un libro contenente “scioccanti rivelazioni” sulla sua relazione con Jackson.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.