Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Metal / 25/06/2019

Lutto nel folk-metal, addio al cantante dei Tengger Calvary: aveva provato a uccidersi anni fa

Il corpo di Nature Ganganbaigal, noto anche come Nature G, cantante della band folk-metal dei Tengger Calvary, è stato trovato lo scorso 13 giugno: i compagni di band hanno confermato la sua morte.

Lutto nel folk-metal, addio al cantante dei Tengger Calvary: aveva provato a uccidersi anni fa

È stato rivenuto lo scorso 13 giugno il corpo senza vita del cantante dei Tengger Calvary Nature Ganganbaigal (Nature G), secondo quanto riferito dai compagni di band dell’artista cinese, originario di Beijing. La notizia della dipartita dell’artista folk metal di base a New York ha iniziato a diffondersi tra le testate legate al mondo del metal solamente tra ieri notte e oggi, nelle stesse ore in cui i compagni di band – Patrick Reilly, Randy Tesser e Greg Baker - di Nature G hanno confermato la notizia sui loro social. La causa della morte del cantante non è stata resa nota.

L’avventura dei Tengger Calvary, divisi tra la Grande Mela e il Texas, è iniziata nel 2010, quando la band ha dato alle stampe il suo primo album, “Blood Sacrifice Shaman”, al quale ne sono seguiti altri sette, l’ultimo dei quali, “Northern Memory”, è uscito quest’anno, dopo una breve pausa nel 2018.

Nel corso di un’intervista concessa a Kerrang! lo scorso mese di aprile Nature Ganganbaigal aveva raccontato di un tentativo di suicidio che si era poi concluso con l’intervento della polizia. “Ero in cima a questo palazzo, pensando di farlo, quando dal nulla un gruppo di poliziotti è arrivato”, ha raccontato il cantante. E ancora: “Stavano facendo un controllo e mi hanno chiesto cosa ci facessi là. E ho realizzato che nel profondo stavo ancora cercando aiuto. Cercavo una via d’uscita. Così ho detto la verità e loro hanno chiamato per me un’ambulanza”. Poco dopo, nel marzo 2018, Nature Gannganbaigal è tornato in Asia per un po’, tra l’interno della Mongolia e la Cina: “Mi ha aiutato stare con la mia famiglia e non essere in contatto con la musica per un po’”.