Coez - la recensione di "È sempre bello"

Coez - la recensione di "È sempre bello"

Due anni dopo il successo di "Faccio un casino" Coez torna con un nuovo album, "È sempre bello". Frutto della rinnovata collaborazione con Niccolò Contessa (I Cani), che è tornato a lavorare con il cantautorapper romano dopo averlo già affiancato come direttore artistico del disco precedente (c'era il suo zampino nelle due hit dell'album, la title track e "La musica non c'è"), "È sempre bello" è stato anticipato dall'omonimo singolo e contiene dieci canzoni che vedono Coez chiudere certi cerchi aperti dieci anni fa con "Figlio di nessuno", il suo primo album solista, quando giocava ancora a fare il rapper duro e spietato nei Brokenspeakers (una delle crew più rispettate dai seguaci della scena hip hop capitolina) e aprire un nuovo capitolo della sua carriera. Lo abbiamo ascoltato:

Dopo aver giocato con "Faccio un casino" a esagerare i due poli opposti, il rapper e il cantautore, qui Coez prova a unirli di nuovo, riprendendo per certi versi il discorso già avviato nel 2013 con "Non erano fiori", l'album prodotto da Riccardo Sinigallia che ha segnato uno spartiacque nella sua carriera. Stavolta, però, porta tutto a un livello superiore, una dimensione in cui le due identità si sovrappongono e i muri che fino a poco fa separavano il rap e la canzone scompaiono. Un po' come l'aeroplano alla fine del disco, che alzandosi in volo scompare dai radar e fa perdere le sue tracce, puntando verso lidi sconosciuti: il passato alle spalle, un capitolo nuovo, tutto da scrivere.

Leggi la recensione completa di "È SEMPRE BELLO" cliccando qui

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
27 ott
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.