Cesare Cremonini commenta la tragedia di Corinaldo: “Evitiamo la cultura della demonizzazione, promuoviamo la cultura della conoscenza”

Cesare Cremonini commenta la tragedia di Corinaldo: “Evitiamo la cultura della demonizzazione, promuoviamo la cultura della conoscenza”

Con un lungo articolo scritto in prima persona, Cesare Cremonini ha deciso di commentare i tragici fatti di Corinaldo dello scorso dicembre, quando sei persone persero la vita in una discoteca, nella calca che si venne a creare dopo che qualcuno spruzzò dello spray al peperoncino. Il cantante di “Possibili scenari” ha scelto un luogo apparentemente inconsueto, per il suo pezzo: l’ultimo numero di “Noi Vigili Del Fuoco”, rivista ufficiale del corpo militare che intervenì immediatamente sul posto a prestare soccorso.  
Proprio a Corinaldo la rivista dedica un lungo speciale: Cremonini apre questa serie di articoli, provando a spiegare a modo e a freddo, suo cosa c’è di sbagliato nei ragionamenti fatti a caldo nei giorni successivi alla tragedia

Si è data la colpa alla musica che ascoltano. Indicibile. La tragedia sarebbe potuta accadere anche se quella sera fosse salito sul palco Gianni Morandi. Si è data la responsabilità ai gestori del locale. Troppo facile chiuderla così. Il problema è molto più ampio e strutturale. Ha origini lontane nel tempo e riguarda da vicino anche la musica, è vero, ma non nel contenuto dei dischi e tantomeno nei tatuaggi sulle braccia di un trap- boy di periferia. Riguarda tutti noi perché il dramma è culturale.

Il problema, secondo Cremonini non è la musica, ma le infrastrutture e la percezione del valore del lavoro nello spettacolo:

La domanda da porsi, una volta ancora, non è cosa ascoltano i giovani, ma dove vanno ad ascoltare la musica che amano. Dove sono costretti a suonare i musicisti e i Dj che il pubblico vuole seguire e supportare. Chiunque essi siano e senza distinzione di genere. (…)
Molte discoteche, tantissimi palasport e stadi di provincia italiani, infatti, come le scuole pubbliche d’altronde, i ponti e le strade delle nostre città e province, cadono letteralmente a pezzi.

E sempre a proposto di cultura:

Viviamo in un Paese fermo alla concezione dell’intrattenimento come un passatempo disturbante per la quiete pubblica, qualcosa di carnevalesco più simile al circo che a una industria. Poco importa se fattura ogni anno decine e decine di milioni di euro con un indotto sul territorio enorme di cui si giovano tutti (…)
Bisogna divulgare una cultura della conoscenza, di segnalare mancanze, di sensibilizzare e istruire la gente a non accettare la realtà per quella che è, di far conoscere quale immenso lavoro e quali professionalità siano impiegate nella produzione e realizzazione di opere artistiche. 

L'articolo completo si può leggere qua

Dall'archivio di Rockol - La carriera di Cesare Cremonini 5 momenti
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
1 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.