5 gennaio 1969: esce "Proud Mary" dei Creedence Clearwater Revival (1 / 13)

5 gennaio 1969: esce "Proud Mary" dei Creedence Clearwater Revival

Compie oggi 51 anni "Proud Mary" uno dei capolavori dei Creedence Clearwater Revival.

Il brano infatti comparve sul mercato il 5 gennaio del 1969 all'interno del secondo album di studio del gruppo "Bayou Country" e in quegli stessi giorni venne pubblicato anche come 45 giri.

John Fogerty raccontò di aver composto la melodia mentre aveva in mente la Quinta Sinfonia di Beethoven, mentre per l'assolo di chitarra ammise di essere stato influenzato da Steve Cropper dei Booker T. & the M.G.'s.

Per il testo, che racconta le vicende di un vagabondo che sopravvive tra Memphis e New Orleans facendo il lavapiatti, si ispirò alla storia di una domestica. Ma dato che a Fogerty i primi accordi della canzone facevano venire in mente il suono della ruota di un battello a vapore, "Proud Mary" divenne anche una canzone su una nave che naviga sul Missisippi. Anche se Fogerty all'epoca non aveva ancora mai visto la città di New Orleans e solo dopo il successo del brano andrà finalmente a fare un viaggio a Memphis e sul fiume Missisippi.

Quella che Bob Dylan definì "la più bella canzone del 1969" divenne il maggiore successo della band, raggiungendo la posizione numero 2 della Billboard Hot 100, cosa che succederà anche ad altri cinque singoli dei Creendence, che nella loro storia non raggiungeranno mai la vetta dalle classifica USA. Solo nell'anno della sua pubblicazione vennero incise ben trentacinque diverse versioni, alcune anche di grande successo.

Quelle che vi proponiamo nelle prossime pagine, dopo la versione originale, sono dieci cover da ricordare, più una davvero curiosa.

Maurilio Giordana (curatore del blog "My Way")

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.