Win Butler: basket, Dj, Clash, beneficenza e altre curiosità sulla mente degli Arcade Fire (1 / 9)

Win Butler: basket, Dj, Clash, beneficenza e altre curiosità sulla mente degli Arcade Fire

L'espressione "leader" o "mente del gruppo" immaginiamo gli piacciano poco, eppure ci riesce davvero difficile considerare Win Butler anche solo primus inter pares nel collettivo canadese che nel 2004, con "Funeral", stregò nientemeno che sua maestà David Bowie, che l'anno dopo omaggiò gli Arcade Fire con diversi featuring dal vivo sancendo così quello che ai più parse come un solenne passaggio di testimone tra la vecchia e la nuova generazione di "alieni" del rock.

Californiano trapiantato in Canada - iter speculare a quello che percorso da Neil Young -, Butler ha avuto una visione, quella di una band diversa da tutto ciò che stava offrendo la piazza nella prima metà degli anni Duemila, e ha saputo tramutarla in un affare di famiglia, coinvolgendo sua moglie Regine e suo fratello minore Will. Il resto, come si dice, è storia: benché l'hype che accompagnò la pubblicazione di "Reflektor" (2013) oggi si sia attenuato, gli Arcade Fire restano una delle poche band in circolazione a saper proporre ricerca e sperimentazione alle grandi platee senza suonare pretenziose o costruite. Merito, senza dubbio, dell'autenticità e dell'onestà di questo gruppo di talentuosi musicisti raggruppatosi intorno a un ex studente universitario che non solo ha saputo immaginare un futuro per il rock, ma è riuscito anche a metterlo in pratica.

Per celebrare i 40 anni di Win Butler, ecco, nelle pagine che seguono, otto curiosità sul fondatore degli Arcade Fire. Buona lettura!

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.