Pusha T: rissa al suo concerto, lui accusa Drake - VIDEO

Ieri sera il 41enne rapper newyorchese Pusha T era in concerto alla Danforth Music Hall di Toronto (Canada) quando, nel sottopalco, si è accesa una zuffa.

Ecco cosa è accaduto: mentre si esibiva sul palco Pusha è stato annaffiato di birra dalla platea, così da scatenare una rissa in piena regola che ha visto protagonisti security, ragazzi della crew e alcune persone del pubblico. Il concerto si è immediatamente interrotto, per riprendere qualche minuto più tardi quando Pusha è tornato sul palco è ha cantato “Infrared”, canzone che mette nel mirino Drake.

Pusha ha accusato il rapper canadese Drake (nativo proprio di Toronto) di aver pagato della gente perché gli lanciasse della birra durante il concerto.

La polizia di Toronto ha confermato di essere stata chiamata poiché gli artisti sono stati attaccati sul palco ‘da un certo numero di persone’. È stata anche data notizia che tre persone finite sono state portate all'ospedale.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.