Sala prove: Nuraphone, le cuffie intelligenti

Sala prove: Nuraphone, le cuffie intelligenti

VOTO: 4/5
PRO: Tecnologia innovativa e suono personalizzato gestito tramite app: le Nuraphone sono un passo avanti a tutte le cuffie sul mercato in termini di concept. Design curatissimo e materiali di qualità. 
CONTRO: L’ergonomia delle cuffie, a metà tra padiglioni e auricoolari, richiede un po' di pazienza per abituarcisi. Le cuffie hanno cavi proprietari sia per la ricarica che per il collegamento non wireless. La custodia per il trasporto è voluminosa e le cuffie non si possono piegare.

PROVATE ASCOLTANDO: Tash Sultana, “Flow state”, Paul McCartney, “Egypt station”

Un paio di cuffie che sembrano come molte altre: padiglione sovraurale, wireless. Invece le Nuraphone sono diverse da tutto il resto in circolazione: per design, tecnologia e suono. Hanno, come molte altre cuffie, una app per regolare l’emissione sonora, ma sono dotate di una tecnologia che si adatta al vostro modo di sentire. Un grande salto di innovazione tecnologica, ma ancora con qualche difetto.
Le abbiamo provate: ecco come funzionano

Il design e installazione
Fin dal packaging e dal design, si vede la cura del dettaglio delle Nuraphone: una sorta di guscio, che racchiude le cuffie. Materiali di alto livello, tra plastica e metallo, che danno da subito una sensazione di solidità. Prendendole in mano si nota la prima particolarità: sembrano “cuffione” normali, ma il padiglione non si poggia semplicemente sull’orecchio coprendolo - nasconde una sorta di auricolare che entra nell’orecchio stesso. Le Nuraphone hanno un design innovativo che prova a prendere il meglio dei modelli precedenti: l’isolamento sonoro delle cuffie sovraurali e il dettaglio permesso dagli auricolari che “sparano” la musica direttamente nel canale. Una pecca nel design: le cuffie non si piegano, e la custodia, per quanto bella, è poco portatile. 
Appena aperte, le cuffie chiedono tramite la voce di essere installate, tramite un’app, con un processo in cui si viene guidati passo passo. E qui è la grossa innovazione: le cuffie emettono dei suoni e testano il vostro udito, tarando automaticamente l’equalizzazione in base alle frequenze a cui il vostro orecchio risponde meglio.
Il processo dura 60 secondi - e i risultati che presenta fanno impressione. Il confronto con il suono non equalizzato è davvero notevole. E' vero che senza suono equalizzato le Nuraphone suonano maluccio, comunque sotto gli standard di questa fascia di cuffie. Ma il suono da considerare è quello "adattato" è di ottimo livello: si possono creare diversi profili interscambiabili, e ad ogni passaggio il processo delle cuffie può creare suono più o meno diversi. Ecco come funziona.

Il Suono e l’uso
Il risultato finale,  è davvero notevole, dicevamo: pieno e ricco. E’ difficile da caratterizzare, e per loro stessa natura, le Nuraphone non hanno una firma sonora come altre cuffie che abbiamo testato in passato.
Sicuramente il suono è aiutato dalla conformazione ergonomica particolare. L’uso di queste cuffie richiede però un po’ di abitudine: inizialmente la sensazione è strana. Ma per fortuna i materiali, sia dell’auricolare che del padiglione, sono di una gomma molto morbida che faciltà l’uso anche per lunghi periodi. La stessa gomma ha dei fori che permettono di far circolare l’aria per non scaldare le orecchie.

Funzionalità e controlli
L’app non è l’unico strumento per controllare le cuffie: l’archetto di metallo è sostenuto da due pomelli, anch’essi di metallo, che sono “touch”, e permettono di controllare riproduzione e funzionalità. Si possono “programmare” attraverso l’app, e un recente aggiornamento del software -gestito sempre attraverso l’app - ha aggiunto nuove funzioni: la cancellazione attiva del rumore, una funzione “social” che permette invece di far passare voci e suoni per non isolarsi completamente dall’esterno.
Le cuffie, inoltre, si attivano e si disattivano da sole quando indossate: una funzionalità presente in altre cuffie, ma che le Nuraphone sfruttano in maniera precisa: tutto avviene sempre velocemente, e mai per caso, come ci è capitato di vedere in altri casi. Le Nuraphone sono fatte per essere usate con uno smartphone e l’app - ma si collegano velocemente anche a computer e tablet, semplicemente selezionandole dal device. Lo “switch”, che in molte cuffie può essere una fonte di frustrazione - non si riesce a collegarle - qua invece funziona velocemente e in maniera affidabile. Quando si tolgono le cuffie della custodia si collegano automaticamente all’ultima fonte e si viene salutato da una voce che annuncia il “pairing”.
Una piccola note di biasimo: le Nuraphone vengono fornite con un solo cavo per la ricarica che ha un connettore proprietario. Se le volete collegare via cavo, altri cavi vanno comprati separatamente.

Conclusioni
Le Nuraphone  non costano poco: 400€. Siamo in linea con cuffie della stessa fascia - le Sony, le Beats Studio, le Sennheisser. Un prezzo giustificato da un design davvero unico e da una tecnologia innovativa. Siamo certi che molte delle intuizioni di queste cuffie le ritroveremo presto in altri modelli, nei prossimi anni.

Music Biz Cafe, parla Gaetano Blandini (SIAE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.