NEWS   |   Italia / 11/05/2018

Nathalie - la recensione di "Into the Flow"

Nathalie - la recensione di "Into the Flow"

Già vincitrice di "X Factor" nel 2011, Nathalie torna dopo anni di silenzio discografico con un nuovo album che rappresenta un ritorno al rock degli esordi, tra Tori Amos, Kate Bush e Alanis Morissette. "Into the flow", questo il titolo del disco, ha visto la cantautrice italo-belga collaborare con Luca Amendola dei Kutso e a Francesco Zampaglione (ex Tiromancino). Lo abbiamo ascoltato:

"Into the flow" è un album rock: ritornando alle sue radici, alle origini, a chi era prima di "X Factor", Nathalie è andata a riscoprire i suoi punti di riferimento, le grandi cantautrici rock degli anni '80 e '90. Il piano rock di Tori Amos ("In a trash can"), il rock post-grunge di Alanis Morissette ("Siamo specchi"), il pop-rock un po' onirico à la Kate Bush ("Smile"), il baroque pop in stile Fiona Apple ("The ocean tide"), il rock alternativo di PJ Harvey ("I feel a stranger"). È un disco molto suonato: in primo piano c'è il suono corposo e spigoloso del basso, delle chitarre e della batteria. Ma non mancano episodi più melodici e intimisti, come "Tra le labbra", che richiamano un po' la Nathalie di "Vivo sospesa".

Leggi la recensione completa di "INTO THE FLOW" cliccando qui

Scheda artista Tour&Concerti
Testi