Tim Hardin: ‘Il genio perduto della musica’ (1 / 12)

Tim Hardin: ‘Il genio perduto della musica’

Bob Dylan una volta lo definì "Il più grande cantautore esistente" e Joe Strummer lo considerava un "Genio perduto della musica". James Timothy “Tim” Hardin nasce il 23 dicembre del 1941 a Eugene, nell’Oregon, dopo un periodo nei Marines, a 20 anni si trasferisce a New York per studiare all'American Academy of Dramatic Arts. Già schiavo della dipendenza da eroina (iniziata durante l’esperienza nei Marines), gravitò nella fiorente scena folk di Greenwich Village, stringendo amicizia e suonando con artisti come l’autore e compositore Fred Neil, Mama Cass, Karen Dalton e il futuro leader dei The Lovin' Spoonful John Sebastian.

Hardin però rimarrà sempre in disparte: la sua dipendenza dall’eroina, l’alcol e uno stile di vita solitario e vagabondo, non gli permisero mai di conseguire il successo che avrebbe meritato ma che, forse, non ha mai realmente desiderato. Nonostante questo il cantautore americano ha lasciato canzoni divenute vere e proprie icone della musica: “If I Were a Carpenter”, “Reason to Believe”, “How can we hang on to a dream?” e “Lady came from Baltimore” sono state nel tempo re-interpretate, tra gli altri, da artisti del calibro Johnny Cash, Robert Plant, Rod Stewart, Joan Baez, Neil Young e i Carpenters. Molte altre sue canzoni sono state poi registrate da artisti come Paul Weller, Byrds ed Echo e Bunnymen.

Qualunque sia l'era, qualunque sia il genere, Hardin è sempre stato in qualche modo presente.

Il 29 dicembre del 1980, Hardin fu trovato sul pavimento del suo appartamento di Hollywood dall'amico di lunga data Ron Daniels; è morto a soli 39 anni per overdose di eroina.

Qui di seguito lo ricordiamo con alcune delle sue canzoni più significative:

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.