Vinyl ID: “Through the Barricades”, Spandau Ballet

Vinyl ID: “Through the Barricades”, Spandau Ballet

“Everyday is a vinyl day” è un'iniziativa che ha lo scopo di far riscoprire e rivalutare il patrimonio discografico italiano ed internazionale di Sony anche nel formato "classico" del 33 giri in vinile. Radio Capital e Rockol sono media partner ufficiali dell’iniziativa, guidando ogni giorno all’ascolto di un album, anzi di un 33 giri, tra storie e aneddoti. L’appuntamento su Radio Capital è dal lunedì al venerdì in SettantaOttantaNovanta dalle 16 alle 17 e il sabato in Back & Forth tra le 16 e le 18.

Nel 1986 gli Spandau Ballet pubblicano il loro quarto album in studio “Through the Barricades”, dopo il grande successo legato a “True” (1983) e “Parade” (1984), che li aveva consacrati come una delle maggiori band pop inglesi dell’epoca. Il disco presenta un cambio di stile rispetto ai precedenti, spiccatamente pop, e mostra un tentativo di apertura al rock. A riscontrare maggiormente i favori del pubblico, furono il primo singolo estratto, “Fight for Ourselves”, e naturalmente la title track, considerata dagli stessi membri della band uno dei loro brani migliori.

Pubblicato:
1986, CBS

Stato culturale:
Il gioco della dicotomia, in musica, non risparmia nessuno. Se l’eterna lotta, nell’immaginario collettivo, rimarrà sempre Beatles Vs Rolling Stones, nel panorama pop degli anni Ottanta erano finiti sul ring gli Spandau Ballet e i Duran Duran. Due band senza dubbio molto differenti tra loro, pur rientrando entrambe nel movimento new romantic che caratterizzò la Gran Bretagna in quel periodo. Mantenendo un  proprio stile, Duran Duran e Spandau Ballet duellarono parecchio ai tempi, a colpi di hit quali “Wild Boys” e “Save a Prayer”, per i primi, “True” e “Gold”, per i secondi.

La produzione:
Con “Through the Barricades” gli Spandau Ballet sperimentano il cambiamento, cercando di allontanarsi dai suoni spiccatamente pop che avevano caratterizzato i loro album precedenti. Firmano per la major CBS e modificano leggermente il loro stile, dando più spazio alla chitarra e accarezzando una sfumatura più rock.

La canzone fondamentale:
“Through the Barricades”, il brano che dà il titolo all’album, fu composto da Gary Kemp, chitarrista e tastierista della band inglese. Il testo affronta l’annosa questione della lotta tra cattolici e protestanti nell’Irlanda del Nord attraverso il racconto di una storia d’amore tra un ragazzo e una ragazza appartenenti, ciascuno, alle due fazioni opposte. L’atmosfera malinconica del brano, accentuata dal lungo arpeggio di chitarra, si sposa perfettamente con il finale tragico del testo, in una versione moderna di Romeo e Giulietta.

La tracklist:

Barricades (Introduction)
Cross the Line
Man in Chains
How Many Lies?
Virgin
Fight for Ourselves
Swept
Snakes and Lovers
Through the Barricades

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.