Allan Williams: chi era il "primo manager" dei Beatles, scomparso ieri

Allan Williams: chi era il "primo manager" dei Beatles, scomparso ieri

E' scomparso ieri all'età di 86 anni Allan Williams, considerato il "primo manager" - anche se il ruolo non fu mai ufficializzato - dei Beatles.
Nativo di Liverpool, ma di origini gallesi, nel 1957 Williams aveva trasformato una bottega di riparazioni di orologi, situata al 21 di State Street, a Liverpool, in una coffee house, battezzandola Jacaranda (è il nome di una pianta originaria del Sudamerica). Il locale aprì nel settembre del 1958
e divenne rapidamente uno dei ritrovi preferiti degli studenti del Liverpool Art College, fra i quali John Lennon.
Quando i Beatles - che allora non si chiamavano ancora così, ma Quarrymen - chiesero di potersi esibire al Jacaranda, Williams chiese intanto che lo aiutassero a ridipingere il locale; Lennon e il suo amico (e bassista della band) realizzarono un murale per i bagni delle donne. Williams acconsentì a farli esibire saltuariamente al Jacaranda e in un suo altro locale, il Blue Angel.
A partire dal maggio del 1960 Williams iniziò a procurare regolarmente esibizioni alla band, a Liverpool e nei dintorni. Fu sempre Williams a procacciare loro il ruolo di musicisti di accompagnamento per un tour in Scozia di Johnny Gentle.
E fu ancora Williams ad accompagnare i Beatles, il 16 agosto del 1960, con un furgone, a Amburgo per la prima volta. Con i Beatles c'era il loro primo batterista, Pete Best.
Allan Williams continuò ad occuparsi dei Beatles fino al 1961, quando vi fu una discussione a proposito di percentuali dovute (secondo Williams) o non dovute (secondo i Beatles). La discussione fu particolarmente spiacevole, e in seguito Williams decise che non avrebbe più voluto avere a che fare con i Beatles.
Quando Brian Epstein cominciò a considerare l'idea di diventare il manager dei Beatles, si mise in contatto con Allan Williams per chiedergli se ci fossero precedenti impegni contrattuali da tenere in considerazione fra lui e il gruppo. Williams gli rispose che non ce n'erano, ma avvertì Epstein di "stare alla larga dai Beatles", perché erano inaffidabili.
Epstein (fortunatamente) non ascoltò il consiglio, e il resto è storia.
Nel 1977 Allan Williams aveva pubblicato un libro di memorie, "The man who gave the Beatles away", e quello stesso anno aveva recuperato fortunosamente una registrazione dei Beatles dal vivo effettuata allo Star Club di Amburgo, che poi fu pubblicata col titolo "Live! At The Star-Club In Hamburg, Germany; 1962".

Pochi giorni fa è scomparso a Liverpool, ottantunenne, anche Sam Leach, che aveva a sua volta svolto il ruolo di promoter non ufficiale dei Beatles fra il 1961 e il 1962, organizzando una quarantina di loro esibizioni, fra le quali quella famigerata ad Aldershot, nel New Hampshire, alla quale assistettero solo 18 persone.

(fz)

Dall'archivio di Rockol - Giles Martin racconta "Sgt. Peppers Lonely Heart Club Band"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.