Perché i Pearl Jam sono molto di più di una semplice rock band (1 / 13)

Nell'attesa di "Gigaton", dodici episodi che spiegano l'approccio del gruppo e di Eddie Vedder al mondo e alla musica

Perché i Pearl Jam sono molto di più di una semplice rock band
Credits: Danny Clinch

Manca una settimana all'uscita di "Gigaton", il primo album dei Pearl Jam in sette anni. E se c'è un motivo per cui è così atteso, è l'approccio della band e del suo cantante al mondo e alla musica.

Se Eddie Vedder fosse solo un grande frontman, un bravo autore e un incredibile perfomer, se i Pearl Jam fossero una semplice band, sarebbe tutto più semplice:  sarebbero uno dei tanti tasselli di quello stardom del quale ci occupiamo quotidianamente, niente di più e niente di meno. La band e l'ex commesso e guardia notturna che riuscì a diventare una delle leggende del grunge la sua band occupano, come pochissimi altri artisti - Bruce Springsteen, tanto per dirne uno - un posto particolare nel cuore dei fan. Sono amati solo per la musica che fanno, ma anche - e forse di più - per la persone che sono. O, meglio, che sono diventate, grazie soprattutto a quello che hanno fatto e detto nel corso degli anni dentro e fuori il palco, e in quella vasta zona grigia che separa i riflettori dalla vita di tutti i giorni.

ASCOLTA/COMPRA ORA "GIGATON" DEI PEARL JAM

Steve Albini una volta disse che ci sono brave persone che fanno brutta musica e brutte persone che fanno bella musica. Eddie Vedder e i Pearl Jam, sicuramente, non rientrano in nessuna delle due categorie. Se ne siamo convinti è perché, nel corso degli anni, oltre ad ascoltare i suoi dischi, abbiamo assistito a storie come queste, che vi riproponiamo in attesa del nuovo disco.

Buona lettura! (clicca su "Avanti" per continuare)

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.