A Tribe Called Quest, è morto il co-fondatore Phife Dawg - VIDEO

Phife Dawg, co-fondatore degli A Tribe Called Quest, si è spento il 22 marzo; il già membro del gruppo hip hop statunitense è venuto a mancare all'età di 45 anni a causa di alcuni problemi di salute, tra i quali diabete di tipo 1 (ne soffriva dal 1990). Nel 2008 si era dovuto sottoporre ad un trapianto di rene. Tuttavia, le cause della morte del rapper non sono state al momento confermate. Nato nel novembre del 1970, Malik Isaac Taylor - questo il suo vero nome - fondò gli A Tribe Called Quest nel 1985 insieme ai compagni di scuola Q-Tip e Ali Shaheed Muhammad. Con questi ha pubblicato un totale di cinque album dal 1990 al 1998: "Bonita applebum", recentemente remixata da Pharrell, rimane una delle loro canzoni più note.





Nel 2000, archiviata l'esperienza con gli A Tribe Called Quest, Phife Dawh pubblicò l'album solista "Ventilation: Da LP".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.