Frank Ocean, suo padre fa causa per 142 milioni di dollari

Frank Ocean, suo padre fa causa per 142 milioni di dollari

Calvin Cooksey, il padre di Frank Ocean, ha intentato una causa legale a Russell Simmons, cofondatore dell'etichetta Def Jam. Chiede un risarcimento di 142 milioni di dollari perché ritiene di essere stato diffamato sul website di Simmons, Global Grind, dove si sosterrebbe che è stato un padre assente fin da quando Frank aveva cinque anni. Cooksey controbatte accusando la madre di Frank di non avergli mai permesso di vedere suo figlio.
Frank Ocean in primavera aveva fatto sapere di essere vicino al completamento del suo nuovo album, il seguito di "Channel orange" (2012);



Caricamento video in corso Link

 

già nell'ottobre del 2013 aveva risposto a un fan su Tumblr che avrebbe pubblicato un nuovo album "all'arrivo dell'estate", ma per il momento non si hanno notizie di imminenti pubblicazioni.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.