Comunicato stampa: 'Yellow Party' il 19 giugno: tra gli ospiti Nicola Conte, Andy Smith e Adrian Sherwood

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

19 GIUGNO – SPIAGGIA LIDO VENERE - MARINA DI SALVE (LE)
Per il decimo anniversario di Meltin’Pot una notte di musica in un ambiente da favola con i migliori dj della scena nazionale ed internazionale

Nella splendida spiaggia di Marina di Salve nella punta più a Sud del Salento Goldie, Joe Claussel, Nicola Conte, Adrian Sherwood, Talvin Singh….e molti altri

INGRESSO LIBERO

Il 19 giugno in una delle più belle spiagge del Salento, nella punta più a sud della Puglia, si consumerà The Yellow Party, l’annuale appuntamento che il marchio di abbigliamento Meltin’Pot organizza ormai da cinque anni in Salento.
E quest’anno ci sono due motivi in più per festeggiare e per far sì che The Yellow Party sia ricordato come l’evento dell’anno: la ricorrenza del decennale di Meltin’Pot, che grazie alle scelte innovative e attente alle tendenze, sta estendendo la sua fama sempre di più anche all’estero e la presentazione della prima collezione donna by Meltin’Pot.
Dunque si prospettano cose fatte in grande sia dal punto di vista della location, 2 km di sabbia bianca e alberi selvatici a Lido Venere, Marina di Salve, che della proposta musicale, semplicemente il meglio della dance, electro rock e dintorni nazionale ed internazionale.
Dal tramonto fino al mattino, completamente gratuito, con la possibilità di nuotare e ballare in uno dei mari più caldi d’Europa non intasato da turisti, non male.
Saranno due i palchi sulla spiaggia, dove si alterneranno live set a dj set: sul primo palco il produttore inglese Adrian Sherwood ospiterà nel suo live incursioni indiane con tanto di tablas del multistrumentista e guru del movimento asian Talvin Singh, per passare ad altre mescolanze sud americane non lontane dall’elettronica del combo Barxino; quindi acid jazz, bossa nova per il pugliese Nicola Conte, house newyorkese con il dj, produttore, remixer Joe Claussel versus house italiana con Alex Neri, una metà dei Planet Funk; sul secondo palco il suono funky, hip hop e trip hop dalle sapienti mani di Andy Smith, dj dei Portishead, aprirà il dj set della superstar della jungle e della drum’n’bass, Goldie, seguito da Agatha, il punto di riferimento della club culture e della dance italiana di qualità.
Come ogni evento musicale che si rispetti non mancheranno i visual a cura del collettivo inglese Addictive Tv, produttore di clips e live set per club, festival (fra cui Reading, Glastonbury, Love Parade di Berlino, ecc.), o per artisti del calibro di Fatboy Slim, Carl Craig….

LIDO VENERE: LINE UP DIVISA PER ORARI:

STAGE A 20.30 Adrian Sherwood, live – UK
21.30 Talvin Singh, dj set and tablas – UK
23.00 Barxino, live – E www.barxino.net
00.00 Nicola Conte, dj set – I
01.30 Joe Claussel, dj set –US
03.00 Alex Neri from Planetfunk, dj set - I www.planetfunkmusic.com
STAGE B 00.00 Andy Smith from Portishead, dj set – UK www.djandysmith.com
01.30 Goldie – UK www.goldie.co.uk
03.30 Agatha, dj set – I

Informazioni al pubblico:
Meltin'Pot P.R. & Press Office tel ++39 0833302365 yellowparty@meltinpot.com; www.meltinpot.com –

Indirizzi location: Lidovenere - Litoranea "Gallipoli - S.M. di Leuca" - Marina di Salve (Lecce) www.lidovenere.com
Alcune note sugli artisti che si esibiranno:
Adrian Sherwood
uno dei produttori più influenti degli anni '80. I suoi bracci musicali furono agli inizi i New Age Steppers (nati da una collaborazione fra lui, il suo amico d'infanzia Mark Stewart e Ari delle Slits) e i Dub Syndicate, con i quali registrò dischi di dub forbito, ma non particolarmente creativo. Ai primordi del rap, Sherwood venne invitato a New York da Tom Silverman, deus ex machina della Tommy Boy, per registrare un singolo con il già famoso Keith Leblanc. Il principio di Sherwood è molto semplice: ancorare tutta la musica a una solida sezione ritmica. Si puo` dire che Sherwood sia stato il primo a inventare un'estetica del dub, a fare di un genere giamaicano un'arte di stampo occidentale.
Talvin Singh
dj oggi trentenne, rapidamente assurto al ruolo di guru del movimento asian, che incarna alla perfezione questo passaggio. Lui stesso si definisce così: Musicista classico dell’India, multistrumentista compositore produttore disc-jockey imprenditore artistico, pensatore concettuale, creatore del gusto, mistico. Nato e cresciuto a Londra, a sedicianni parte per l’India ad apprendere i rudimenti della tablas. Il bagno di cultura classica gli fa guardare con occhi diversi il trionfo di ritmi elettrici che trova in patria al suo ritorno. Alcuni anni sotterranei come session man e produttore (alla corte di Bjork e dell’illuminante – a suo dire – David Bowie) gli spianano la strada verso la rivelazione. Ne nasce un nuovo connubio tra pensiero e sala da ballo: Singh interpreta la dilagante mania del drum’n’bass attraverso lo spettro timbrico della tradizione indiana, occhieggia il jazz elettrico di Miles Davis e le partiture sinfoniche di Morricone, incastra il tutto in una cornice elegante e “intellettuale”. E rivendica una propria area autonoma nel recinto sacro della dance londinese. I lunedì sera da lui condotte sotto il nome di Anokha (“L’inusuale”) presso il club di culto Blue Note diventano un appuntamento storico e un’altrettanto storica antologia sonora del movimento.
BarXino
combo di origine sudamericana ma trapiantato in Europa, è formato da musicisti ognuno con una loro storia: Max Boschiasso, DJ e produttore di musica elettronica dal 1997 collabora con Feel Good Productions, ha suonato in numerosissimi club in tutta Europa ed ora vive e suona a Barcellona. Martin Fuks, musicista, compositore e produttore argentino, si trasferisce a Barcellona dove suona e compone per diversi collettivi, Beto Bedoya Estrada, percussionista, MC, voce, è colombiano ma vive in Spagna dal 1991. Ha lavorato con la compagnia di teatro e musica afrocolombiana "Palo Q´Sea" dal 1986 al 1996 girando teatri, festival in America e in Europa. Sol Brasil, Cantante brasiliana di Sao Paulo residente a Madrid dal 2000, Florencia Inza, percussionista, Voce, nata in Argentina. Collabora con diverse compagnie di teatro e gruppi musicali in sud America e in Europa. Insieme con la loro musica e le performance live riescono a portare il pubblico -anima e corpo - attraverso una esperienza di trance mischiando congas e batteria, basso e chitarra, jaleo e rap.
www.barxino.net
Nicola Conte
dj e produttore e pianista, originario di Bari, è un “primemover” della scena acid jazz italiana, nata attorno al collettivo Fez, associazione culturale che raccoglie musicisti e movimentisti sonori con lo scopo di promuovere la bossanova e fondere elementi jazz con la "club culture". Discograficamente, Conte esordisce con la compilation THE FEZ FILES e successivamente con il singolo “Bossa per due” che diventa un vero inno nu jazz/bossa ed ottiene il consenso incondizionato di Dj’s quali Kruder & Dorfmeister, Rainer Truby, Gilles Peterson, St. Germain, Thievery Corporation. Il primo LP, JET SOUNDS, uscito su Schema Records (Ottobre 2000), forse l’etichetta jazz più rappresentativa in Italia, ottiene un grande successo internazionale che porta Nicola Conte ad esibirsi come dj nei migliori clubs europei e mondiali compresa un’esibizione all’Electronica Festival 2001 di Belo Horizonte in Brasile, vero riconoscimento per un artista devoto alla Bossa Nova brasiliana. Nel giugno 2001 l’album, JET SOUNDS, viene stampato in USA per la ESL Music, l’etichetta personale dei Thievery Corporation, con il titolo “Bossa per due”. www.nicolaconte.it
Joe Claussel
Uno dei più impegnati personaggi della scena House di New York, DJ, produttore, remixer, fondatore di etichette discografiche (Spiritual Life Music e Ibadan) e negozi di dischi (Dance Tracks) che entrano a fare parte della scena Americana e dunque mondiale di un certo tipo di sonorità House eclettiche e contaminate con suoni africani. Segna le nuove tendenze da NY insieme a nomi come Francois Kevorkian imparando da maestri quali Mancuso e Larry Levan. L'eclettismo del nostro probabilmente deriva dall'ampio spettro musicale che i suoi sette fratelli, con i loro diversi gusti, gli proponevano in tempi insospettabili per approdare ad un mix di house, di mainstream e di radici musicali e alla definizione di Spiritual Life Music, che con l'alba e il tramonto del nostro party si sposa egregiamente, a voi il giudizio dopo avere partecipato.
Alex Neri
Ha fatto il dj per più di metà della sua vita, a 13 anni inizia a fare girare i primi dischi ma si forma professionalmente qualche anno dopo nel club fiorentino Tenax dove tiene una residenza il sabato sera, Nobody's Perfect, che diventa presto appuntamento fisso per appassionati di House di forte richiamo. Alex è inoltre una delle menti del progetto Planet Funk, con il quale fa superare a critica e pubblico quella naturale diffidenza che si nutriva verso le produzioni House italiane. Nell'attesa che esca la compilation Nobody's Perfect con cui è alle prese insieme al compagno di viaggio Marco Baroni si potrà godere della preziosa Funky House a cui ci ha abituato nel suo Yellow Party special set. www.planetfunkmusic.com
Andy Smith (Portishead)
Conosciuto in passato come il DJ dei Portishead, Andy Smith passa da esperienze con The Fugees, Repubblica, Prophets of the City per poi arrivare al debutto su disco con il suo primo mix album nel '98 intitolato “The Document” e dopo cinque anni arriva nel 2003 “The Document II”, raffinato e vario come il primo disco offre funk, hip hop e trip hop assemblato con grande abilità, dal vivo regala suoni di classe per dancefloor dal palato esigente. www.djandysmith.com
Goldie
Superstar DJ, passa tra le pieghe della black music inglese da strada, dall'influenza della cultura rastafari e quindi reggae e ragga, attraversando la cultura hip hop cimentandosi nella musica ma anche nella breakdance e nel writing e arriva all'approdo naturale delle evoluzioni di questi stili che crearono prima la Jungle Music e il Breakbeat e subito dopo la Drum'n'Bass. Con questo percorso con vera attitudine da B-Boy, compreso di dente d'oro in bella evidenza, Goldie arriva ad essere negli anni '90 uno dei più importanti rappresentanti della musica dance inglese e non solo e il rappresentante più famoso dei generi Jungle e Drum'n'Bass che finalmente raggiunge vaste platee, collabora in questo periodo con artisti come Optical, A Guy Called Gerald, Noeal Gallagher, Bjork, KRS-One e molti altri e infine fonda l'etichetta Metallheadz, con cui realizza singoli seminali con Photek, Optical, Waz Doctro, Peshay ed altri fino a produrre suoi dischi tra cui rimane memorabile il primo Timeless uno dei primi veri dischi di Jungle. Sempre attivo senza mai avere scadenze classiche discografiche si ripresenta ora in tour in forma più che smagliante per un set decisamente memorabile. www.goldie.co.uk
Agatha
Altra crew di dance italiana di qualità, Andrea Lai e Riccardo Petitti creano nel '95 il curioso nome di Agatha simboleggiato da una faccina femminile in stile manga. Dall'underground del centro sociale Brancaleone di Roma, Agatha si fa strada tra le nuove sonorità dell'elettronica dance e cresce fino a diventare quello che è attualmente: uno dei punti di riferimento della club culture italiana. Ormai il suo raggio di azione è diventato il mondo, da Buenos Ajres a Londra e Berlino, così come a Roma o nei rave in mezzo alla campagna marchigiana, senza alcuna difficoltà di adattamento. E senza alcuna difficoltà al Yellow Party proporranno un set come al solito attento ai nuovi stili con un pizzico di sperimentazione e ritmi imprevedibili ma inevitabilmente da ballare. www.agathaonline.it

Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.