Bufala a Los Angeles. TMZ: 'Scott Weiland arrestato'. Ma era un sosia...

Anche la polizia, delle volte, sbaglia. Non tanto ad arrestare i criminali, quando a comunicarne le generalità alla stampa. E anche la stampa, abbagliata dallo scoop facile, sovente controlla troppo frettolosamente le fonti ansiosa di uscire con un titolo a tutta pagina.

Questo, più o meno, è successo nelle ultime ore, quando, a Los Angeles, si è iniziata a diffondere la voce secondo la quale Scott Weiland, ex leader di Stone Temple Pilots e Velvet Revolver, sarebbe stato tratto in arresto dalla polizia californana per furto e possesso di sostanze stupefacenti. A riportare la notizia, per primo, è stato TMZ: secondo quanto riferito in un primo momento dal sito specializzato in gossip, il cantante sarebbe stato fermato - alla fine del mese scorso - da una pattuglia di Beverly Hills, che l'avrebbe trovato in possesso di alcuni rasoi usa e getta rubati in un locale minimarket grazie a una borsa anti-securizzazioni. Ad un perquisizione più approfondita, l'artista sarebbe stato trovato in possesso di metanfetamina, e quindi immediatamente arrestato.

Il portavoce dello sceriffo della contea certifica le generalità, e il caso - almeno agli occhi dei cronisti - sembra chiuso. C'è un però. Un però che si concretizza in un video, postato poco dopo il primo lancio della notizia sulla pagina Facebook della nuova band di Weiland, i Wildabouts. Nella clip si vede lo stesso Weiland, in carne e ossa (e, soprattutto, fuori di prigione), definire le indiscrezioni riferite da TMZ "un discreto mucchio di invenzioni" riservandosi di intraprendere azioni legali nei confronti dei responsabili del sito.

Cosa è successo, quindi? Che a finire nelle maglie della giustizia è stato non il vero Scott Weiland, ma un sosia - o, meglio, un millantatore, ma così bravo da passare per tale: dietro le sbarre - già quattro settimane fa, il 26 luglio - è stato messo tale Jason Michael Hurley, solo dopo la versione del "vero" Weiland identificato grazie ad un esame delle impronte digitali incrociato con il database dell'FBI. L'epilogo? Weiland - quello vero - in studio a scrivere e registrare, e un'indagine interna avviata tra lo staff dell'ufficio dello sceriffo...

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.