Concerti, Mos Def: tour americano cancellato per problemi con il visto

Di concerti o intere tournée saltate per problemi alla dogana le cronache sono piene: solo negli ultimi anni, è successo ai cubani Buena Vista Social Club, ai quali gli USA nel 2004 negarono il visto, anticipando di qualche anno lo stesso trattamento che avrebbero riservato - seppure per motivi diversi - anche a Lily Allen nel 2007 e Amy Winehouse e Boy George nel 2008. Senza contare il caso di Snoop Dogg, che - a causa dei suoi trascorsi con la giustizia - si vide rimbalzato nel 2007 tanto dagli agenti di frontiera inglesi che da quelli australiani.

A un primo sguardo, quindi, la notizia della negazione da parte delle autorità statunitensi del visto di ingresso a

Mos Def nel paese non dovrebbe suscitare troppo clamore, se non per un particolare nemmeno troppo piccolo: Dante Terrell Smith, questo il nome all'anagrafe del rapper e attore, negli Stati Uniti ci è nato. L'artista, originario di Brooklyn, New York, e oggi conosciuto come Yasiin Bey, dal 2009 vive a Città del Capo, Sudafrica, dove prosegue nella sua attività parallela di attivista per i diritti umani. E proprio in suo impegno nel sociale potrebbe averlo messo in cattiva luce: il sito togetherboston.com riferisce infatti come a far saltare le tre esibizioni previste negli USA siano stati "immigration / legal issues", ovvero questioni riferibili alla documentazione necessaria affinché venga accordato l'ingresso sul suolo americano. E' possibile - fanno notare diversi osservatori internazionali - che il suo coinvolgimento nel progetto di sensibilizzazione nei confronti degli abusi perpetrati ai prigionieri del carcere di Guantanamo organizzato dall'associazione umanitaria Reprieve nel 2013 l'abbia reso inviso ai funzionari del dipartimento immigrazione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.