Il rock etnico delle Nuove Tribù Zulu

Più di dieci anni vissuti “on the road”, passati per scelta a suonare nelle strade, nelle piazze. A contatto diretto con la vita quotidiana, con gente di tutte le età, professioni, provenienze. Tre anni passati fra le popolazioni ROM alle periferie di Roma, che della strada hanno fatto la loro casa e la loro dimora. A contaminare il rock, con il jazz, le sonorità balcaniche, la canzone popolare, la world music in generale.
E poi, nel 2000, il primo disco, che non poteva che intitolarsi “Sulla strada”: un album che di quell'esperienza nomade, degli incontri fatti, rappresenta la sintesi artistica e musicale. Oggi, le Nuove Tribù Zulu, che il prossimo 9 luglio suoneranno al Music Connection di Firenze (vedi News), hanno pubblicato con l'etichetta Rai Trade il loro nuovo CD intitolato “L'unione dei due mondi”.
Ormai più che trentenni, i componenti della band dicono: “Suonare per la strada è stata una scelta per noi: erano i tempi del primo conflitto degli Usa con l'Iraq, avevamo tante cose da dire e l'urgenza di farlo subito. Mancavano gli spazi istituzionali dove farlo e allora abbiamo scelto la strada. Venivamo più o meno tutti da un gruppo con cui avevamo già inciso dei dischi (i Cyclone), e non avevamo priorità discografiche quando abbiamo fondato la band: il nostro intento era un altro”.
A parlare è il leader della band romana, Andrea Camerini, che al telefono con Rockol racconta: “'Sulla strada' è nato da quell'esperienza. Suonare in giro come buskers e artisti di strada è stata la chiave per capire chi eravamo e cosa facevamo. Quando abbiamo iniziato”, ricorda il cantante, ”Eravamo ancora una costola dei Cyclone, una band punk-rock; la strada ci ha insegnato a guardarci intorno, ad aprirci agli altri e ad altri tipi di musica, di sonorità. L'esperienza poi nel campo nomade di ROM Khorachanè di San Paolo a Roma (dove i due fratelli Camerini, Andrea e Paolo hanno lavorato per tre anni)”, continua il cantante del gruppo, “non smetterò mai di dirlo, è stato un ulteriore tassello che ha contribuito alla definizione della nostra identità e del nostro suono”.
Di quel periodo hanno però mantenuto lo spirito e, dal punto di vista musicale, l'attitudine alla contaminazione: “Crediamo e siamo ancora convinti che la musica sia energia da portare nel sociale. Che sia un modo per dire a chi ci ascolta che si deve dire sì alla vita, sempre, e arginare quei meccanismi di morte, di esclusione della nostra società: bisogna costruire un ponte fra il presente ed il futuro e fra la forza vitale e la coscienza. Questo è il messaggio de 'L'unione dei due mondi'. Se 'La strada' rappresentava i nostri primi dieci anni di carriera”, continua Camerini, ”l'ultimo disco sono gli ultimi due anni e il viaggio in India. A livello musicale, quel che adesso più ci spaventa è lo schema, e la sua rigidità. Preferiamo di gran lunga la sperimentazione, l'apertura a nuove strutture e forme musicali, ai nuovi suoni”.
Sul palco del concerto fiorentino, Le Nuove Tribù Zulu che presenteranno le canzoni del nuovo disco oltre che ai loro successi passati, fra cui “Zingara” (vedi News), si presenteranno con questa formazione: Andrea Camerini (voce), Emanuele Giunti (tastiere e fisarmonica), Paolo Camerini (contrabbasso), Roberto Berini (batteria e percussioni), Massimo Diotallevi (sassofono), Giacomo Anselmi (chitarre) e Francesco Rocca (tromba).
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.