James Lavelle (Mo' Wax Records, Unkle) curatore del festival Meltdown 2014

A dirigere l'edizione 2014 del festival britannico Meltdown, sicuramente tra i più prestigiosi e beniamino dei critici, va James Lavelle, fondatore della Mo' Wax Records nonché componente del progetto UNKLE che fece parlare parecchio di sé a metà anni Novanta.

Il londinese Meltdown è iniziato nel 1993 ma solamente nel 1998, quando la direzione di quell’anno venne affidata al compianto John Peel, vi fu una “svolta rock”. Nel 2007 la kermesse è stata diretta da Jarvis Cocker, ex Pulp, il quale portò, tra gli altri, Devo, Motorhead e Iggy & The Stooges. Nel 2011 la kermesse del Southbank Centre è stata capitanata da Ray Davies, ex Kinks, che ha voluto sulle assi, tra gli altri, Lydia Lunch, Madness e, per la prima volta a Londra dal 1968 i Fugs, la formazione USA anni Sessanta definita "probabilmente il primo gruppo rock underground di tutti i tempi". L'edizione 2013 è invece stata condotta da una artista ottantenne che non ha bisogno di presentazoni: Yoko Ono.

Lavelle, che ha pubblicato vari album di DJ Shadow, ha affermato: "Sono profondamente onorato che mi sia stato chiesto di curare il Meltdown 2014. E' mia intenzione mettere in piedi un collage vibrante ed elettrizzante di controcultura e di collaborazioni tra i mondi della musica, del cinema, dell'arte e di tutto quello che sta in mezzo a queste cose. Nel curare Meltdown ho la responsabilità d'essere fonte d'ispirazione per la prossima generazione di giovani artisti, nello stesso modo in cui io ho tratto ispirazione da altri quando ero un teenager. Creeremo qualcosa che la gente non dimenticherà". Edizione 2014 al Southbank della capitale britannica dal 13 al 22 giugno.


Il Southbank Centre comprende Royal Festival Hall, Queen Elizabeth Hall, Purcell Room, Hayward Gallery e la Saison Poetry Library.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.