Comunicato Stampa: Nuovo disco de I Luf

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.


I LUF
Collettivo folk-rock di belle speranze

ESCE OGGI IL LORO ALBUM “OCIO AI LUF”

Esce oggi, venerdì 6 giugno, su etichetta Uprfolkrock e distribuzione Edel Italia, “Ocio ai Luf” l’ultimo album de i Luf, collettivo folk-rock di belle speranze, il gruppo lombardo considerato tra le punte di diamante del folckrock italiano.
I Luf nascono tra la brianza e le valli bresciane, intrecciando un certo combat-folk che sull’onda dei Modena City Ramblers ha preso piede nel nostro paese, con i cori "quasi" alpini, le tradizioni delle valli bresciane e la canzone d'autore.
I momenti più spettacolari del disco sono senz'altro quelli che, avvalendosi del "coro di Missaglia" composto da 37 elementi, fondono in modo naturale combat-folk e canto popolare, ascoltare su tutti : “I luf” , “Vento”, “Ocio alla nona ocio a la strea”.

Leader di questa banda anomala, costituita da un numero imprecisato di musicisti che collaborano in un clima di assoluta complicità, è Dario Canossi: cantante, insegnante di scuola superiore, vicesindaco di Monticello Brianza ed animatore culturale di chiara fama in quelle zone. Dario rappresenta anche il legame con la musica d’autore, che permette a i Luf di restare a cavallo tra ballo e contenuto, tra vecchia tradizione (cori alpini) e nuova tradizione (cantautori). Nel 99 Canossi si è occupato dell'organizzazione artistica di Davide Van de Sfroos al quale ha costruito la nuova Band, ha spesso aperto i suoi concerti e con lui ha composto uno dei brani che i Luf presentano dal vivo (“dimmi di che segno sei”). Cesello finale delle canzoni de i Luf è poi il dialetto camuno quello cioè delle valli bresciane.
In studio la band si è anche avvalsa della partecipazione di Vincenzo Zitello nel brano “Nina Nana” dove i Luf hanno adattato una poesia del poeta dialettale bresciano Canossi.
Questa la formazione “base” de i Luf: Dario Canossi (chitarra, voce), Sergio "Jeio" Pontoriero (basso, voce), Fumagalli "Ragno" Ranieri (fiati, cornamuse), Cesare Comito (chitarre), Franco Penatti (batteria), Lorenzo "Puffo" Marra (Fisarmonica , voce), Angapiemage "Anga", Persico (violino), Pier Zuin (cornamuse), Carlo Ravot (batteria).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2022 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.