Londra, David Bowie e Bernie Taupin: libro sui primi giorni di Elton John

Londra, David Bowie e Bernie Taupin: libro sui primi giorni di Elton John

Probabilmente non sarà un libro per l'eltonjohnista famelico, quello che ricorda anche il colore della sua prima Rolls o l'intero testo dell'ultima canzone del lato A del suo primo album del 1969, ma, almeno a giudicare da una recensione pubblicata dal "Daily Telegraph", un nuovo volume sui primissimi giorni artistici di Elton John pare promettere bene per il pubblico generico. Che poi, tolti gli ultrafan, è sicuramente quello più numeroso. Il libro, al quale il "Telegraph" assegna il punteggio di 3.5/5, come dire "buono", è intitolato "Tin Pan Alley: the rise of Elton John" ed è uscito dalla penna - o più probabilmente dal pc - di Keith Hayward. Si comincia dal 1969, l'anno di "Empty sky"? No, dal 1964, quando "Reg" - forse non tutti sanno che Elton all'anagrafe è Reginaldo - iniziò a darsi da fare. Alla Mills Music di Londra il futuro Sir, all'epoca con lo stipendio di 5 sterline alla settimana, gettò le basi della carriera. Divenne amico di Davie Jones, che più avanti sarebbe divenuto David Bowie, si mise  a frequentare il Gioconda Cafè nella zona londinese di Soho e fu preso dai Bluesology di Long John Baldry. Avvicinatosi alla Liberty Records e alla DJM conobbe Bernie Taupin, allora allevatore di polli, e




Contenuto non disponibile







nacque lo "storico" sodalizio che avrebbe scritto bellissime pagine della storia del pop.

Il volume, volutamente, non si sofferma sulle relazioni sentimentali del compositore di Pinner ma esclusivamente sulla sua scalata al successo e sulla scena musicale di Londra negli anni Sessanta.


"Tin Pan Alley: the rise of Elton John" di Keith Hayward (Soundcheck Books).
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.