Motorhead: cancellati tutti i concerti europei

Motorhead: cancellati tutti i concerti europei

Era prevedibile che sarebbe accaduto, dopo il filotto di date annullate nell'ultima settimana di giugno. E infatti, puntualmente, è arrivata la notizia della cancellazione di tutti i concerti rimanenti (otto) del tour europeo dei Motorhead - a causa della salute del leader Lemmy.
La conferma è giunta da una fonte più che ufficiale: il batterista della band Mikkey Dee, attraverso un paio di interviste freschissime.

"Lemmy sta migliorando", ha detto Dee ai microfoni di GT.se, "ma i medici a Berlino raccomandano che si prenda un altro paio di settimane di riposo assoluto. E noi non possiamo continuare a cancellare un concerto alla volta, ci costa troppo. Quindi, a malincuore, siamo costretti ad annullare il tour intero. Presto ci sarà anche un comunicato ufficiale sulle condizioni di Lemmy".
Condizioni che rimangono piuttosto misteriose, se vogliamo. Di sicuro l'iconico bassista/cantante non è in forma, ma le voci che circolano sono vaghe e a tratti contraddittorie. Lo stesso Dee, infatti, poco prima di quanto riportato sopra, ha rilasciato dichiarazioni più precise e meno ottimistiche, se vogliamo, al magazine svedese Aftonblafet.
"Tutto è iniziato con una caduta di Lemmy, che gli ha causato una brutta contusione all'anca un po' più di una settimana fa", ha spiegato il batterista. Poco dopo la caduta Lemmy è stato costretto, a causa di un allarme antincendio, a fare otto piani di scale a piedi in un hotel londinese dove soggiornava; "Ha dovuto farsi otto piani nel cuore della notte" racconta Dee. "L'assistente personale di Lemmy mi ha detto che si è affaticato e ha finito per peggiorare le condizioni della sua anca".

Dee ha poi parlato di un "effetto a valanga", per cui da una semplice caduta si sono sviluppate altre situazioni che hanno reso precaria la salute di Lemmy. "Bisogna che gli drenino il fluido dell'ematoma, ma non è una cosa che si può fare in fretta", ha detto. "Il guaio è che restando a letto immobile rischia la polmonite... e se non puoi muoverti normalmente vai incontro ad altri problemi. Lui ora è distrutto oltre ogni misura. E tutto ciò su di lui ha un effetto devastante. E' come amputare le mani a un pianista. Suonare è la sua vita".
Dee infine ha aggiunto: "Sono preoccupato per lui perché non sta bene adesso. Ma migliora, anche se per lui ci vorrà più tempo che per altre persone. E adesso che i dottori gli hanno consigliato di non suonare, dovremo tutti accettare la situazione".



Contenuto non disponibile


 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.