E’ successo nel 2002: 18 marzo

'1 giant leap': la globalizzazione sostenibile (18 marzo 2002)

Ne hanno di storie da raccontare e di pensieri da esprimere Jamie Catto e Duncan Bridgeman, di passaggio negli uffici milanesi della casa discografica NuN Entertainment, oggi lunedì 18 marzo, per presentare a una platea di giornalisti, musicisti e menti curiose (in sala ci sono Fernanda Pivano, Jovanotti, Mauro Pagani…) il progetto globe-trotter di “1 Giant Leap”. Un work in progress multimediale e cosmopolita in bilico, come i lettori di Rockol già sanno, tra musica e video, pensiero filosofico e reportage giornalistico, un caleidoscopio di suoni e immagini che condensa in un CD già in circolazione e in un DVD annunciato per maggio appunti e frammenti di un giro del mondo in 180 giorni che ha portato i due musicisti-produttori-video maker a visitare 25 paesi collezionando le testimonianze audiovisive di decine di nomi illustri (della musica, del cinema, della letteratura, del culto) accanto alle immagini, ai volti e alle parole “catturati” tra la gente comune di ogni angolo del mondo. Con un concetto forte, condivisibile e quanto mai d’attualità a fare da collante all’intero percorso: l’unità dei popoli e delle idee, delle culture e delle religioni nella diversità che caratterizza e distingue ognuno dall’altro. Un esempio felice di globalizzazione sostenibile realizzato “senza alcuna intenzione, da parte nostra, di pontificare”, precisa subito Catto, già membro fondatore e mente creativa dei Faithless, uno dei progetti di dance “pensante” più popolari degli ultimi anni. “Quando vogliono trasmettere un messaggio o la loro visione del mondo gli artisti diventano inevitabilmente pedanti e noiosi. In ‘1 Giant Leap” i messaggi ci sono, eccome: solo che non escono dalle nostre bocche, piuttosto dalla miriade di persone – pensatori, guru, artisti, scrittori e soprattutto uomini e donne comuni - che abbiamo incontrato lungo il viaggio. E credo che siano proprio l’accessibilità e l’immediatezza – continua – a distinguere questo progetto da altri che lo hanno preceduto, da ‘Koyaanisqatsi’ o “One world, one voice’. Lì allo spettatore veniva richiesto un impegno continuo per non perdere il filo del discorso, qui invece ogni argomento trattato (dodici, suddivisi in altrettanti capitoli-composizioni musicali) è stato volontariamente sminuzzato in pillole in modo che anche chi non ha tempo e voglia di tuffarsi anima e corpo nell’ascolto e nella visione ha modo di coglierne immediatamente lo spirito e il contenuto”. “Un po’ come quando devi condensare il tuo sapere musicale in un singolo da tre minuti”, esemplifica l’allampanato Bridgeman, produttore e hit maker negli anni ’80 (con diversi successi al fianco di Duran Duran, Eurythmics, Take That e sir Paul McCartney nel carniere) che un giorno, racconta lui stesso, ha voltato le spalle al pop da classifica per farsi crescere i capelli e mettersi a suonare il didgeridoo. “Non avevamo una sceneggiatura da seguire, l’unica cosa che avevamo predisposto in anticipo erano gli argomenti sui cui volevamo raccogliere testimonianze, musiche, documenti”, spiegano in coro i due produttori di “1 giant leap”. “A rendere il tutto eccitante è stato il modo in cui le persone hanno reagito emotivamente agli stimoli che gli si presentavano: quando per esempio un musicista raggiunto in un villaggio sperduto dell’Africa ascoltava in cuffia ciò che altri avevano registrato mesi prima, aggiungendovi il suo contributo. Davanti alle telecamere e alle apparecchiature di registrazione nulla è avvenuto due volte”.
Con trecento ore di “girato” rimaste inutilizzate, i giornalisti sono curiosi di sapere se l’affascinate racconto audiovisivo avrà un seguito. “ ‘1 giant leap’ è un cantiere in produzione continua, e dunque ci interessa più quello che stiamo per fare di ciò che abbiamo accumulato in archivio”, risponde Catto. “Ma certo”, gli fa eco Bridgeman, “con tutto quel materiale a disposizione, è facile pensare che qualcosa di ciò che abbiamo nei cassetti verrà ripescato e utilizzato”.
L’elenco di celebrità che si sono prestate al gioco – da Brian Eno a Baaba Maal, da Dennis Hopper a Kurt Vonnegut, da Tom Robbins a Michael Stipe dei R.E.M. (“uno straordinario manipolatore di suoni, aperto anche alle idee più folli”, dice Catto) – dicendo la loro su religione, sesso, relazioni internazionali, politica, amore, morte, deanro, famiglia – è quanto di più ampio e variegato si possa immaginare. “Ma tanti hanno detto di no”, risponde Catto a precisa domanda; “per esempio Woody Allen, Almodòvar, il vostro Benigni ci hanno detto di non avere tempo. Altre volte, come con Vonnegut, ce l’abbiamo fatta dopo tre tentativi andati a vuoto. Perché non c’è Peter Gabriel? Da quindici anni gli propongo di tutto, senza esito: programmi radiotelevisivi, progetti musicali, allestimenti teatrali. Quando il lavoro era ormai terminato ci ha finalmente invitati a cena, chiedendoci che cosa poteva fare per noi. A quel punto ci siamo accontentati di avere il suo attestato di stima per l’iniziativa”.
E quanto è costato, il progetto (finanziato da Chris Blackwell, patron della Palm Pictures e impresario discografico “visionario” per eccellenza fin dai tempi gloriosi della Island)? “I vip hanno partecipato a titolo gratuito”, spiega Catto; “i musicisti sono stati trattati a paga sindacale standard, 250 sterline per session di registrazione, mentre abbiamo riconosciuto delle percentuali di royalty a tutti coloro che hanno fornito un contributo creativo. Abbiamo realizzato un videoclip per il mercato pop, con la canzone di Robbie Williams (“My culture”): beh, quello da solo è costato come tutto il resto, viaggi compresi”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.