Babyface denunciato per discriminazione da una sua ex impiegata

Kenneth “Babyface” Edmonds, sua moglie Tracey e la Edmonds Entertainment Group, sono accusati di discriminazione sessuale e d’aver intenzionalmente procurato stress psicologico a Joie Binns, una loro ex impiegata.

Dagli incartamenti depositati dalla signora Binns presso la Corte Suprema di Los Angeles, si evince che gli Edmonds l’avrebbero licenziata nel maggio 2002 perché in attesa di un figlio da Gavin Rhone, il cantante del gruppo 3rd Storee. Nella lettera di licenziamento, l’impiegata è descritta come “incompetente”, ma la querelante è convinta che alla base di tutto ci sia la sua relazione sentimentale con l’artista. A suo dire, i discografici in questione temevano un danno d’immagine per i 3rd Storee, tanto da invitarla ad abortire dietro l’offerta di oltre centomila dollari. La Binns, che ha rifiutato l’offerta di denaro e ha tenuto il bambino, ora chiede i danni. La Edmonds Entertainment, intanto, ha risposto denunciando per estorsione e diffamazione la donna. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.