Keith Richards: 'Rolling Stones non motivati dal denaro'

Keith Richards: 'Rolling Stones non motivati dal denaro'

E', come dicono i britannici, una "questione di chimica". Di quel complesso insieme di fattori per i quali ci sentiamo attratti da una persona. E non è questione di vil pecunia. Questo il pensiero di Keith Richards alla vigilia del primo concerto USA dei Rolling Stones dopo sei anni; la band chiuse la tranche di date statunitensi dell'"A bigger bang" il 22 novembre 2006 al Dodger Stadium di Los Angeles. Il chitarrista ha detto: "Sono cose che facciamo per noi stessi. Soldi? Ovviamente a nessuno fa schifo essere pagato, ma non sono i soldi a fornire motivazioni alla band. Uno se ne sta a casa, dipinge o scrive o cose simili, ma poi a un certo punto arriva una strana cosa magnetica che ti dice: 'Voglio davvero suonare con Charlie Watts, con Mick e con Ronnie'. E' una forza indescrivibile. Metteteci in una stanza con un po' di microfoni e degli strumenti e vedrete che qualcosa viene fuori. Diciamoci la verità, cinque anni senza fare concerti, mi stavano prudendo le dita. Allora io e Mick abbiamo fatto un paio di canzoni. Inizialmente gli ho detto: 'Hey Mick, ma questa 'Doom and gloom' non ha un titolo un po' strano per una festa dei cinquant'anni?'. Ma è così, i Rolling Stones sono sempre stati un po' alternativi".




Contenuto non disponibile







A proposito di soldi. Un mese fa Ron Wood, rispondendo alle accuse per il prezzo dei biglietti di Londra, che sul mercato libero avevano raggiunto prezzi siderali, aveva così replicato: "Abbiamo già speso un milione provando a Parigi. E il palco costerà qualche altro milione. E le luci...non ci sentiamo in colpa per il prezzo dei biglietti".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.