Comunicato stampa: CIMES

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna
DIPARTIMENTO DI MUSICA E SPETTACOLO
CIMES
Centro di musica e spettacolo
in collaborazione con
Conservatorio di musica "G. B. Martini" di Bologna
presenta
LE NUOVE TECNOLOGIE E LA TRASCRIZIONE DELLA MUSICA
Tavola Rotonda
martedì 12 marzo 2002, dalle ore 17
Aula del camino di Palazzo Marescotti
Via Barberia 4 a Bologna
Martedì 12 marzo 2002, alle ore 17, il CIMES Centro di musica e spettacolo del Dipartimento di Musica e Spettacolo - Università di Bologna, in collaborazione con il Conservatorio "G.B. Martini" di Bologna, organizza una tavola rotonda dal titolo Le nuove tecnologie e la trascrizione della musica. Partecipano François Delalande, direttore del Groupe de Recherches Musicales dell'Institut National de l'Audiovisuel di Parigi, Mario Baroni, pedagogista, storico ed esperto di analisi musicale (Università di Bologna), Lelio Camilleri compositore e docente al Conservatorio di Bologna e Giuliana Fugazzotto, etnomusicologa (Università di Bologna). Coordina Tullia Magrini, etnomusicologa e responsabile scientifico del CIMES. La tavola rotonda verterà sul problema della trascrizione della musica e sulle possibili soluzioni, alcune delle quali ancora in via di sperimentazione, offerte dall utilizzo dei mezzi informatici. La trascrizione di un brano musicale è un problema comune tra gli studiosi di musica, soprattutto tra coloro che si occupano di repertori dove la scrittura musicale non è utilizzata. È questo il caso, ad esempio, della musica elettroacustica, della musica di tradizione orale, o di musiche oggi assai diffuse come il rock e il pop. Nel tentativo di rendere più precisa ed efficace l'operazione di trascrizione gli studiosi si sono spesso affidati a tecnologie di tipo informatico. La tavola rotonda sarà dunque un occasione per approfondire il nesso tra informatica e trascrizione attraverso il contributo di vari esperti
Nel corso dell incontro verrà inoltre presentato il lavoro svolto da un gruppo di 12 studenti dell ateneo bolognese durante il laboratorio teorico-pratico condotto da Lelio Camilleri e François Delalande. Il laboratorio intensivo, articolato in 4 incontri e alcune ore di esercitazione individuale, è dedicato all utilizzo di un nuovo software, "Acousmographe", espressamente concepito per agevolare la trascrizione della musica elettroacustica. Questo software è stato progettato e realizzato dal Groupe de Recherches Musicales, sotto il coordinamento dello stesso Delalande. L'ingresso alla tavola rotonda è libero. François Delalande. Attualmente direttore del Gruppo Ricerche Musicali dell'INA di Parigi, sin dagli anni 70 Delalande si è occupato di "condotte d'ascolto" e di "produzione della musica" soprattutto in due ambiti: la pedagogia (e l educazione musicale) e l analisi della musica elettroacustica. In ambito pedagogico, ha approfondito lo studio comportamentale infantile, facendosi promotore di una didattica basata sulla creatività. Nel campo dell'analisi musicale, partendo dallo studio della musica elettroacustica, ha sviluppato un approccio interdisciplinare tra musicologia, psicologia e semiologia. Una raccolta di suoi saggi è stata pubblicata nel 1993 dalla CLUEB di Bologna con il titolo Le Condotte musicali. In Italia, Delalande insegna nella "Scuola Estiva di Animazione Musicale" di Lecco.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.