Fermato Eric Burdon degli Animals (ma arrestato il suo amico)

Fermato Eric Burdon degli Animals (ma arrestato il suo amico)
Eric Burdon degli Animals è stato fermato dalla polizia australiana. Nell’auto sulla quale si trovava il cantante di “House of the rising sun” vi era anche Wayne Duncan, ex batterista dei Daddy Cool, uno dei più conosciuti gruppi rock locali degli anni Settanta. I due erano piuttosto alticci. La polizia, non si sa bene per quale motivo, ha deciso d’incriminare Duncan e non Burdon. Subito processato, il batterista è stato condannato a tre mesi di prigione, 1500 dollari di multa e subendo altresì il ritiro della patente per cinque anni. Dopo un abortito tentativo di riunione nel ’94 con i suoi ex compagni, Duncan ora gravita negli Ol’ Skydaddy, gruppo che si esibisce regolarmente nel circuito dei pub di Melbourne. Burdon, classe Quarantuno, di Newcastle, fa poco parlare di sé. Lo scorso maggio è uscito un suo doppio intitolato “The ultimate comeback” e contenente, ovviamente, “House of the rising sun”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.