Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Cinema / 13/05/2012

Pellicola sull'impresario punk Terri Hooley 'miglior film nordirlandese'

Pellicola sull'impresario punk Terri Hooley 'miglior film nordirlandese'

Alcuni quotidiani locali si sbilanciano, e definiscono "Good vibrations", che non c'entra nulla con i Beach Boys, come il possibile "miglior film che sia mai stato fatto in Irlanda del Nord". La pellicola narra la storia dell'impresario punk Terri Hooley e del suo negozio di dischi - appunto - "Good vibrations". Il film sta per debuttare al Belfast Film Festival ed è stato sostenuto da tre enti, BBC Films, Irish Film Board e Northern Ireland Screen. Terri è l'attore Richard Dormer di Lisburn, città a poca distanza da Belfast. Durante i Troubles, il sanguinoso conflitto etnopolitico locale durato da fine anni Sessanta al 1998, Hooley e il suo negozio divennero il perno della scena punk nordirlandese; l'impresario riuscì a traghettare vari gruppi, tra i quali gli Undertones, tra i preferiti del compianto John Peel, dalle cantine alla ribalta. Registi sono Glenn Leyburn e Lisa Barros D'Sa, nella vita marito e moglie. Tra i principali finanziatori, oltre ai tre enti, è da annoverare Gary Lightbody degli Snow Patrol. Il produttore Chris Martin, omonimo del cantante dei Coldplay, ha detto: "E' bello che si parli tanto di 'Good vibrations' in questi giorni, ma ci attendevamo che qui la gente avesse un debole per la storia, come spesso accade quando c'è un film su Belfast. Il vero test sarà però













 portarlo in America, per vedere se afferrano l'accento e capiscono l'umorismo. Per ora devo dire che l'abbiamo fatto vedere ad un gruppo di studenti americani tra i 18 e i 21 anni e gli è piaciuto un sacco". "Prima" mondiale alla Ulster Hall il prossimo 31 maggio.
 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi