Madonna come Marylin alla corte del clan Kennedy

Madonna come Marylin alla corte del clan Kennedy
E’ stato il volume scritto dall’italoamericano Randy Tamburelli, una particolareggiata autobiografia della Ciccone dal titolo “Madonna: un’intima biografia”, a sollevare il polverone sulla presunta love story che l’avrebbe legata, per qualche tempo, al defunto rampollo, John John, di una delle casata più potenti d’America, quella dei Kennedy. Secondo il libro, la cantante si sarebbe invaghita dell’erede di J.F.K. in concomitanza con il divorzio dal suo ex marito Sean Penn: fu tuttavia la madre del suo fidanzato “segreto”, Jackie Onassis, a fare di tutto per impedire che questa storia d’amore sfociasse in un matrimonio. “Non voglio una che si fa chiamare ‘Material girl’ nella famiglia Kennedy”, avrebbe dichiarato Jackie, che si è sempre rifiutata di incontrare la cantante autrice di “Like a virgin”. (Fonte: La Stampa)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.