I fratelli di Michael Jackson autografano 1000 giubbotti. Ma non li pagano

I fratelli di Michael Jackson autografano 1000 giubbotti. Ma non li pagano

Jackie, Tito e Marlon Jackson hanno autografato mille giubbotti, trascorrendo all'opera parecchie ore del loro tempo, e alla fine non sono stati pagati. Questo è quanto asseriscono tre dei fratelli di Michael Jackson nella denuncia che hanno depositato contro Steve Bohbot della Connected International Sales.

I fratelli, che si sono rivolti alla Superior Court di Los Angeles, lo stesso tribunale che ha recentemente condannato il medico Conrad Murray per la morte del Re del Pop, affermano d'essere stati convinti a firmare i capi di vestiario per il compenso di 100.000 dollari. Condotti al Bar Marmont a West Hollywood, hanno passato pareccho tempo ad autografare. Con loro c'era anche Prince, il primogenito di Michael, il quale però si è astenuto dal lavoro; Prince tuttavia ha posato le foto pubblicitarie e per questo sarebbe stato pagato. I tre, dopo aver atteso inutilmente il pagamento per un paio di settimane, si sono così rivolti al tribunale per avere i loro 100.000 dollari specificando che Steve Bohbot ha anche dato loro un assegno per le spese di viaggio che si è rivelato non incassabile.





Contenuto non disponibile







I giubbotti sono repliche di quelli che Michael indossò per i video di "Beat it" (versione rossa) e "Thriller" (versione rossonera). I capi, prodotti in cinquecento esemplari l'uno, sono ora regolarmente in vendita a 2350 dollari l'uno. Sigmund Esco "Jackie" Jackson ha 60 anni, Toriano Adaryll "Tito" Jackson 58 e Marlon David Jackson 54.

 
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.