Processo per la morte di Michael Jackson, il medico Conrad Murray non testimonia

Processo per la morte di Michael Jackson, il medico Conrad Murray non testimonia

Conrad Murray, solo imputato al processo per la morte di Michael Jackson, medico personale dell'artista nonché ultima persona al mondo ad averlo visto ancora vivo, non testimonierà in propria difesa.

L'annuncio, che non era del tutto inatteso, è arrivato oggi mentre il processo presso la Superior Court di Los Angeles si avvia verso la conclusione. "Ho deciso che non testimonierò", ha semplicemente detto Murray al giudice Michael Pastor. Alcuni osservatori, in effetti, ritenevano che la deposizione del medico non avrebbe potuto fare altro se non aggravare la sua posizione. Murray, in ogni caso, precedentemente aveva detto tutto quello che doveva (o voleva) dire alla polizia in una registrazione durata due ore. Murray, nelle cinque settimane del processo, non ha mai voluto intervenire ed è sempre rimasto in silenzio ad ascoltare ed osservare. Negli scorsi giorni difesa ed accusa si sono fronteggiate, ognuna con i propri assi. La difesa ha continuato a cercare di dipingere il Re del Pop come una persona ormai totalmente dipendente dai medicinali e che avrebbe potuto benissimo autosomministrarsi la dose fatale di Propofol durante una breve assenza di Murray. Il dottor Paul White, definito "star della difesa", è stato contestato dal dottor Steven Shafer, "star dell'accusa". A un certo punto White ha dovuto ammettere che Murray avrebbe dovuto telefonare al 911 molto prima di quanto avesse fatto. Murray, se riconosciuto colpevole, rischia fino a quattro anni di reclusione. Il processo continua.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.