Amy Winehouse: il padre costretto a restituire le donazioni alla fondazione

Amy Winehouse: il padre costretto a restituire le donazioni alla fondazione

Mitch Winehouse, il padre di Amy, è stato costretto a restituire le donazioni effettuate alla fondazione intitolata alla figlia scomparsa: secondo la legge britannica, infatti, il genitore non avrebbe il diritto di incassare le somme, non essendo co-firmatario di un conto corrente bancario intestato alla Amy Winehouse Foundation. A quanto pare, uno sconosciuto avrebbe registrato prima di lui l'intestazione "Amy Winehouse Foundation", costringendolo così a restituire gli assegni e a congelare qualsiasi piano. "In attesa di trovare uno spazio dove allocare i fondi, sono costretto a restituire gli assegni", ha rivelato Mitch: "Abbiate pazienza, ci vorrà del tempo: nel frattempo le attività della fondazione sono bloccate". Il genitore sospetta che dietro a questo inconveniente ci sia un tentativo di speculazione messo in atto da un soggetto senza scrupoli, che - a quanto pare - oltre ad aver offerto di vendere il nome al miglior offerente su un sito Web avrebbe anche cercato di mettersi in contatto con l'ex marito della sfortunata cantante, Blake Fielder-Civil: "So che ha cercato di contattare Blake per mettere in piedi una fondazione estranea alla famiglia di Amy. Riuscite ad immaginare?".

Contenuto non disponibile


Le indagini sulla scomparsa della giovane diva jazz-soul britannica sono ancora in corso: a quanto pare, maggiori dettagli potrebbero venire resi noti nel corso del prossimo autunno, quando saranno pronti i risultati delle analisi tossicologiche effettuate dopo il decesso.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.