Radiohead,
ecco le prime nuove canzoni di 'Amnesiac'

Radiohead,  ecco le prime nuove canzoni di 'Amnesiac'
Ed O’ Brien e Colin Greenwood, rispettivamente chitarrista e bassista dei Radiohead, hanno presenziato al Sundance Film Festival nella giornata del 24 gennaio, presentando ufficialmente ed in anteprima alcune nuove canzoni del futuro album “Amnesiac”, in uscita il prossimo 4 giugno.
Titolo dell’evento era “Sounds for visual thinkers”. I primi report di alcuni fan sites parlano di “una celebrazione dei Radiohead da parte dell’industria”, organizzata dalla Capitol Records –etichetta del gruppo- e dalla Warner Chappell. Ma, soprattutto, parlano di cinque nuovi brani svelati dalla band, di cui almeno due molto interessanti. Oltre all’ascolto di canzoni varie già edite e alla visione di un filmato con vecchi videoclip e performance dal vivo, O’ Brien e Greenwood hanno fatto ascoltare ai presenti in sala versioni “live” di tre canzoni inedite (“I might be wrong”, “Knives out” e “Dollars and cents”), più il debutto assoluto delle versioni di studio di “You and whose army” e “Pyramid song”. La presentazione di questi brani è stata accompagnata dalle immagini dei “blips” –brevi e surreali filmati creati dalla band per lanciare in rete “Kid A”.
Gli affezionati di Thom Yorke e soci avranno notato che i titoli dei cinque brani in questione sono già conosciuti; Rockol, nei giorni scorsi, ne aveva segnalato la presenza su Napster, sia delle versioni dal vivo, ma anche di versioni “fasulle” spacciate per brani inediti di studio.
Alcuni siti non ufficiali, tra cui “Planet telex” (http://underworld.net/radiohead/news.htm) e "Green Plastic Trees" (http://www.greenplastic.com/news/) permettono già di scaricare le canzoni, provenienti dal webcast dell'evento. Rockol le ha ascoltate: si tratta effetivamente di versioni di studio di brani spesso suonati dal vivo; Ovviamente non è certo al cento per cento che siano già nella loro forma definitiva, anche se si tratta comunque di una ghiotta anteprima. "Pyramid song" conserva la struttura ipnotica delle sue performance live: una strana ballata, basata su un giro di piano obliquo e irregolare; la versione di studio aggiunge un finale con l'orchestra che ricorda vagamente quello di "How to disappear completely". "You and whose army" è anch'essa una ballata, ma più sussurratta e giocata sulla chitarra, con un'inizio che richiama "Karma police" e con un finale in crescendo. Bisogna però ammettere che, per quanto queste due canzoni siano più semplici di buona parte del materiale di "Kid A", non sono sufficienti per dire se "Amnesiac" sia o meno un disco più immediato del suo predecessore, come spesso si è detto. Insomma, l’attesa continua…
Dall'archivio di Rockol - Radiohead: Thom Yorke e l'imprecazione in loop
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.