Steve Albini sugli Odd Future: 'Stronzi che fanno musica sull'essere stronzi'

Steve Albini, già produttore di - tra gli altri - Pixies e Nirvana, guru dell'indie americano grazie al suo manifesto "The problem with music" e tra le figure di spicco del panorama noise statunitense coi suoi Shellac, è uno che di solito parla poco, ma che quando parla scatena l'inferno. Lo scorso ottobre, con un aplomb inscalfibile, definì i Sonic Youth "venduti", tacciando il mondo della moda di essere "disgustoso e ridicolo". A quasi un anno di distanza, il musicista-fonico-pensatore torna ad offrirci uno dei suoi gustosi strali, stavolta diretto agli Odd Future, collettivo hip hop californiano col quale l'artista, insieme agli Shellac, ha avuto la sfortunadi di dividere un pullman in un terminal aeroportuale spagnolo nel corso della passata primavera. "Ho passato 40 minuti su un bus con questi cazzoni, lo scorso maggio, e devo ammettere che mai come allora mi è venuta voglia di strangolare qualcuno", ha raccontato Albini: "Ero con gli Shellac e altri passaggeri all'aeroporto di Barcellona. Loro sono arrivati in ritardo, facendo versi da scemi, insultando l'autista, facendo discorsi osceni a voce alta e chiamando chiunque si fosse rivolto a loro 'frocio'". Dopo questa esperienza, Albini ha ascoltato attentamente la musica degli Odd Future, traendone le seguenti conclusioni: "Sono consapevole che ci siano delle brave persone che producano pessima arte e, viceversa, pessime persone che producano ottima arte. Sono altresì convinto che gli Odd Future abbiano il diritto di rappare di ciò che vogliano, della loro vita e delle esperienze che abbiano vissuto. E' certo, però, che quello degli Odd Future non sia il caso di gente normale che faccia musica sull'essere stronzi, ma di stronzi che facciano musica sull'essere stronzi".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.