Scorpions: «Volevamo dare uno choc ai fans»

Scorpions: «Volevamo dare uno choc ai fans»
Di passaggio per promuovere il loro ultimo album "Eye to eye", gli Scorpions si mostrano rilassati e ringalluzziti dai riscontri positivi del loro ultimo singolo. Le sonorità ammiccanti di "To be n.1", accompagnata da un divertente video e un ancor più divertente testo ispirati dalle vicende di Clinton e Monica Lewinsky, hanno tuttavia sconcertato alcuni fans del gruppo tedesco. «Ed è esattamente quello che volevamo», garantisce il cantante Klaus Meine. «Abbiamo composto questo disco prefiggendoci la maggiore apertura mentale possibile, per rinfrescarci e lanciare gli Scorpions nel 2000. La nostra speranza era che la gente dicesse: "Cosa? Gli Scorpions fanno questa roba?"».
Rudolf Schenker aggiunge: «Ci davano per morti all'inizio degli anni '90, poi con "Wind of change" siamo rinati. Ora è la stessa cosa: la nostra macchina era vecchia e arrugginita, e ne abbiamo presa una nuova. Ma senza sbarazzarci della vecchia, che ha fatto tanto per noi». Meine sorride: «Non si può onestamente proporre "Black heart" ogni sera. Comunque grazie a internet abbiamo scoperto che i fans hanno apprezzato il nuovo disco. Siamo sempre noi, del resto, con i nostri riff e le nostre melodie. Solo che non volevamo morire in un angolino, e abbiamo cercato di proporci a una nuova generazione. Del resto, dopo la generazione grunge, depressa e autodistruttiva, ci pare che gli attuali ventenni abbiano in mente lo stesso obbiettivo dei nostri primi fans di tanti anni fa: divertirsi. Non più "Ci sono problemi, sono disoccupato e voglio morire", ma "Ci sono problemi, ma ce la faremo"».
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.