Bjork: ‘Ecco perché non farò più l’attrice’

Bjork: ‘Ecco perché non farò più l’attrice’
In occasione del passaggio a Cannes del film di Lars von Trier "Dancer in the dark", la cantante Bjork, che ha composto la colonna sonora di questa commedia musicale di cui è anche interprete, viene intervistata dal settimanale francese "Les Inrockuptibles" (che mette in copertina uno dei rari fotogrammi disponibili della pellicola) e racconta gli alti e bassi di questa esperienza sul grande schermo. "Scrivere la musica è stata la parte più eccitante di questa avventura. Per me è stato fantastico dovermi calare nell’universo di qualcuno diverso da me e trasformarlo dall’interno. E’ stato divertente, e insieme una sfida. Da sola, ho registrato tre album in sei anni: solo canzoni incentrate su di me. Era dunque tempo di tornare a una musica che guardasse un po’ più in là del mio ombelico".
Stufa di Bjork? "Dovevo ristabilire l’equilibrio. L’introspezione era durata abbastanza, bisognava che guardassi altrove. Dopo un’esperienza drammatica come quella che ho vissuto come attrice, ho voglia di ripiegarmi di nuovo su me stessa. Detesto fare l’attrice. Avrei dovuto accontentarmi della musica. L’ho scritta con facilità, dopo aver letto il copione di Lars von Trier. Ha messo subito in moto la mia fantasia. Da allora in poi, sono stata perennemente in disaccordo con Lars sulla musica. Ma mi sono battuta perché riconoscesse le mie ragioni".
Ma perché recitare è stata un’esperienza così drammatica? "E’ stato catastrofico. Trovarmi circondata da centinaia di persone, giorno dopo giorno, che incubo! Ogni mattina mi risvegliavo e loro erano là, sotto il mio naso, tutti... Sono molto introversa: in studio, quando registro un disco, non ho intorno che una o due persone, gente che conosco da tempo. Il mio lavoro di musicista si svolge attraverso delle collaborazioni ma rimane comunque qualcosa di intimo".
L'esperienza cinematografica è stata accettata, conclude Bjork, per l’insistenza di Lars von Trier, "ma ha segnato l’inizio e la fine della mia carriera di attrice. Non ho niente contro questa industria. Essere nata attrice è una benedizione, ma non è evidentemente il mio caso".
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.