Uno dei Wu-Tang Clan: «Non è stato ODB a sparare»

Inspectah Deck dei Wu-Tang Clan ha preso apertamente le difese del suo compagno di gruppo Ol’ Dirty Bastard, indicato dalla polizia come autore di una sparatoria avvenuta lo scorso 15 gennaio e momentaneamente “fuori” su cauzione. «Non sarebbe fuori se fosse vero, e se fosse vero non avrebbero fissato una cauzione così bassa», ha detto Deck riferendosi ai 150.000 dollari di cauzione pagati alle autorità dall’avvocato di ODB. Deck ha inoltre ironizzato sul fatto che la polizia, ad oltre dieci giorni di distanza dall’accaduto, e dopo aver arrestato ODB in presunta flagranza di reato, non sia ancora riuscita a trovare l’arma. Per chi si fosse fatto sfuggire qualche tassello di quello che sta divenendo un vero e proprio puzzle, ricordiamo che ODB sostiene d’aver avuto in mano un telefonino e non, come invece ovviamente sostenuto dalla polizia, una pistola.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.