Biografia

Gianluca Grignani nasce a Milano il 7 aprile 1972. A diciassette anni si trasferisce in Brianza e inizia a scrivere le prime canzoni. La sua passione lo porta ben presto a caricare in macchina chitarra e amplificatore per esibirsi davanti ai clienti di bar e pizzerie. Nel frattempo per vivere fa un po’ di tutto, dal commesso al muratore, dal venditore ambulante all’animatore. Quando è sul punto di mollare tutto, incontra il produttore Massimo Luca, una delle prime persone a credere nelle sue canzoni. Dopo due anni di processioni presso le case discografiche e di porte in faccia, trova la canzone giusta (“La mia storia tra le dita”) e l’etichetta disposta a puntare su di lui (la PolyGram). La sua prima apparizione pubblica arriva proprio a Sanremo Giovani, nell’autunno 1994: la canzone è, neanche a dirlo, “La mia storia tra le dita”, e gli permette di approdare al Festival di Sanremo ’95, dove si presenta con “Destinazione paradiso”, che conquista il sesto posto. Sulla scia del successo personale ottenuto al Festival esce l’album DESTINAZIONE PARADISO, che vende più di 700mila copie (a cui vanno aggiunte quasi 1 milione di copie vendute all’estero, per lo più in Sudamerica). Nel 1996 LA FABBRICA DI PLASTICA spiazza tutti per il suo contenuto musicale ‘estremo’, che sembra voler deliberatamente voltare le spalle al grande pubblico. Se i fan di Gianluca rimangono interdetti di fronte al cambiamento drastico del proprio beniamino, il nuovo album gli frutta recensioni e interviste interessate e incuriosite da parte della stampa rock specializzata. Alla pubblicazione de LA FABBRICA DI PLASTICA segue la prima tournée italiana, finita la quale Gianluca torna in sala per incidere il nuovo album: dopo una lunga fase di gestazione, durata più di un anno, all’inizio del 1998 esce CAMPI DI POPCORN. L’album è un ulteriore passo in avanti nella definizione del suono e della personalità artistica di Gianluca Grignani, che nell’estate dello stesso anno parte per una nuova tournée affiancandola ad importanti apparizioni televisive. Tra una data e l’altra Gianluca inizia a familiarizzare con il pianoforte, che influenza la scrittura di nuove canzoni. Nel frattempo prende corpo il progetto di un film che vede Gianluca nei panni del protagonista: si tratta di "Branchie", tratto dal romanzo omonimo di Niccolò Ammaniti, e per esigenze di copione, a dicembre del ’98 Grignani vola in India, dove si trattiene fino agli inizi di febbraio. Tra le canzoni scritte nei mesi precedenti ce n’è una, "Il giorno perfetto", a cui tiene in modo particolare e che sceglie di presentare a Sanremo ’99. IL GIORNO PERFETTO è anche il titolo del suo quarto album, uscito alla fine di febbraio, una sorta di viaggio riepilogativo dei principali momenti della sua crescita artistica, contenente brani dal vivo e varie rarità, oltre naturalmente alle sue canzoni più rappresentative.
Nella primavera del 2000 esce il quarto album di studio, intitolato SDRAIATO SU UNA NUVOLA che grazie ai successi dei singoli SPECIALE, LE MIE PAROLE e QUELLA PER ME riconferma Gianluca come grande autore di ballate. Il disco è accompagnato da un tour ricco di date durante le quali il cantante compone alcune delle canzoni che entrano poi a far parte del suo CD di inediti intitolato UGUALI E DIVERSI. Il disco esce nel marzo 2002 e include “Lacrime dalla luna”, il brano che Grignani presenta lo stesso anno al Festival di Sanremo classificandosi al dodicesimo posto nella categoria “Big”.
Il 7 settembre 2003 Grignani sposa Francesca. A fine ottobre pubblica il greatest hits SUCCO DI VITA, con due inediti. Il 2005 si apre con la nascita della primogenita Ginevra (il 17 gennaio). Il 10 giugno esce IL RE DEL NIENTE, che viene ripubblicato nel marzo 2006 con l'inclusione di “Liberi di sognare”, canzone portata in gara al Festival di Sanremo. Grignani torna sulle scene proprio alla rassegna canora, nel 2008, con “Cammina nel sole”, canzone che anticipa il disco dallo stesso titolo in uscita poco dopo. A gennaio 2010 esce ROMANTICO ROCK SHOW, anticipato dal singolo “Sei sempre stata mia”. Dopo il libro autobiografico “La mia storia tra le dita” sempre del 2010, l’anno successivo è la volta di “Un ciao dentro un addio”, brano che anticipa il prossimo capitolo discografico NATURA UMANA, previsto per ottobre.
Sempre nel 2011 partecipa come giudice alla prima edizione del talent “Star Academy”, esperienza che non si rivela molto fortunata: il programma infatti chiude dopo tre puntate a causa dei bassi ascolti. Contemporaneamente esce il nuovo album NATURA UMANA, composto tra Milano e New York. Nel 2012 appare nuovamente a Sanremo, come ospite di Pierdavide Carone e Lucio Dalla nell’esecuzione di “Nanì”. Dopo avere scritto “Prima che tutto finisca” per Gianni Morandi, nel giugno 2014 pubblica il singolo “Non voglio essere un fenomeno” che anticipa di tre mesi circa l’uscita dell’album A VOLTE ESAGERO. Il disco è prodotto dallo stesso Grignani insieme ad Adriano Pennino e vanta collaborazioni con Alberto Radius, Michael Thompson, Lele Melotti e Cesare Chiodo. A fine 2014 viene annunciata la sua partecipazione al Festival di Sanremo 2015 con “Sogni infranti”, contenuta nella ristampa di A VOLTE ESAGERO.
Nel 2016 esce UNA STRADA IN MEZZO AL CIELO, che contiene brani dei primi due album rivisitati in versione semi-acustica (16 nov 2017)