Biografia

Il materiale contenuto in questa biografia è tratto da un comunicato stampa inviato dai diretti interessati. Rockol lo pubblica senza assumere responsabilità sui contenuti, che non sono stati sottoposti a verifica redazionale.

La loro nascita risale al gennaio 2000, quando il ventiquattrenne Dario Dust (laureando in psicologia con già all'attivo un cd elettro-solista in collaborazione con Ivan Cattaneo), chiama in collaborazione quattro musicisti per sostenerlo ed affiancarlo strumentalmente nelle uscite live e festival.
I chitarristi Cristian Regnicoli e Corrado De Paoli, il bassman Fabrizio Panichi e il batterista Daniele Di Pietro, provano per due mesi i pezzi scritti dal futuro leader.
Gli Elettro Dust debuttano ufficialmente al concorso Rock Targato Italia che vincono, suscitando l'attenzione della stampa locale e del pubblico che inizia a seguirli con interesse e passione anche nelle trasferte.
È proprio grazie a questo felice debutto, che il gruppo diventa un'entità indipendente, rispetto alla produzione del leader.
Immediata la seconda vittoria a "Sotterranea 2000" dove arrivano in finale riuscendo a vincere ben quattro premi: miglior gruppo, migliore abilità tecnica, miglior cantante e tastierista per Dario Dust .
Rispetto alla produzione, interamente elettronica di Dust, il gruppo riesce a dare ai pezzi un'impronta decisamente più rock, affiancando la sperimentazione elettronica di sinth, moog e tastiere.
I testi d'impronta psycho, cyber, beat generation , e lo sfondo rock-elettonico, hanno come risultante una "miscela" sonora, che ha permesso al gruppo di ottenere ottime recensioni sulla stampa e di suonare dal vivo in vari festival e rassegne estive come "ROCK NO STOP", organizzata dal mensile "Rockstar", "FUORI TEMPO", "NOTTE ROCK FESTIVAL", "SPAZIO GIOVANI".
Nel Gennaio del 2001, esce il loro primo cd promo per i discografici e giornalisti musicali: cinque pezzi elettrorock: Lakrime , Blade Walker, Disconnesso, Cameracar e Cosmo chimico, danno vita ad un mini concept-album sull'analogia uomo-computer e segnano un ulteriore sviluppo dei temi del primo cd solista di D.Dust.
Le ottime recensioni uscite in merito al cd e un' inaspettata promozione radiofonica su molte radio indipendenti italiane, danno vita ad un piccolo grande successo nell'ambito indipendente con piu di 3000 copie vendute del promo.
A fine Gennaio, dopo il loro debutto ad "Help" su Tmc2, gli ElettroDust tornano a "Sotterranea 2001" vincendo per la seconda volta la Rassegna di Rock e Nuove Tendenze.
Dopo due mesi di prove, nella seconda metà del 2001, iniziano il loro primo tour nel centro-Italia, cominciando con uno show-case ad "Il Locale" a Roma insieme ad Alessandro Graziano e continuando con esibizioni in Festival e Rassegne Estive come "Conero New Sound" (sponsorizzato da "Rockstar") dove vincono, e anche come gruppo spalla ("Elisa", "Quintorigo", "Mao", "Nidi D'Arac", "Vinicio Capossela", "Jimmy Somerville").
Nel Settembre 2001, Dust è produttore e direttore artistico di "RoboPop" in scena al "Teatro Ventidio Basso", uno spettacolo multimediale che vede sullo stesso palco esibirsi oltre agli Elettro Dust anche Alberto Camerini, Krisma e Ivan Cattaneo.
Ultima tappa importante, è il Premio Mescal , assegnato loro dalla famosa etichetta discografica (Bluvertigo, Subsonica, Afterhours) al Concorso "New Generation" svoltosi a Castel Fidardo.
La band chiude il 2001 con un altro concerto ad "Il Locale", insieme ad Alessandro Graziano, Donatella Rettore, Alessandra Di Sanzo, Rossella Seno, Helena Velena. (25 lug 2002)