Biografia

I tre fratelli Barry, Robin e Maurice (gli ultimi due gemelli tra loro) nascono rispettivamente nel 1946 e nel 1949 a Manchester, Inghilterra. Sono figli di Barbara Gibb, un'ex-cantante, e di Hugh Gibb, musicista. Incominciano a esibirsi dal vivo in tenera età: si esibiscono con una varietà di nomi diversi, tra cui Blue Cats e Rattlesnake. Si spostano in Australia con la famiglia nel 1958; Barry scrive già canzoni per sé e i suoi fratelli, il trio comincia a suonare per la tivù locale. Il primo singolo arriva nel 1962, e si intitola "Three kisses of love": un successo immediato, poi ripubblicato nel primo lp del gruppo, THE BEE GEES SING AND PLAY 14 BARRY GIBB SONGS. Nel 1967 la famiglia Gibb torna in Inghilterra, dove il trio pubblica il singolo "New York mining disaster 1941", che scala le classifiche in patria e negli Stati Uniti.
Dopo due singoli di successo, nel 1969 il trio pubblica ODESSA, un doppio LP: la canzone che dà il titolo all'album dura sette minuti ed è un brano complesso, sapientemente orchestrato, arricchito da cori studiati con attenzione. Ma i tre fratelli Gibb non trovano un accordo su quale canzone debba essere il singolo di lancio dell'album, e Robin Gibb abbandona Barry e Maurice per pubblicare un disco da solista mentre i suoi fratelli compongono CUCUMBER CASTLE. Subito dopo anche Barry e Maurice si separano, dando il via a una serie di complesse cause legali per aggiudicarsi la potestà del nome "Bee Gees". Nel 1970 il trio si ricongiunge, e pubblica LONELY DAYS, il primo numero 1 del gruppo in America. Seguono anni non esaltanti: se i Bee Gees riescono a pubblicare singoli che scalano le classifiche, gli album che li contengono vengono presto dimenticati. Il trio cambia etichetta discografica, passando dalla Polydor alla RSO. I tempi sono difficili: nel 1973 il gruppo pubblica LIFE IN A TIN CAN, cercando di spingere l'album con un corposo tour promozionale che non sortisce gli effetti sperati.
Nel 1974, i Bee Gees vengono salvati da Eric Clapton, che suggerisce loro di provare a incidere il disco successivo negli studi in cui lui ha appena registrato il suo "461 Ocean Boulevard": i Criteria Studios di Miami, Florida. Il risultato è MR.NATURAL, un disco americanizzato, virato dal pop all'R&B, che non vende molto più del precedente ma ottiene critiche molto migliori. Qui comincia la seconda fase dell'era Bee Gees: via l'enfasi sulla ballate romantiche, sulle melodie alla McCartney; sì ai ritmi dance e funk. Seguono gli album CHILDREN OF THE WORLD e il primo live (BEE GEES LIVE), che segnano uno spartiacque tra i Bee Gees vecchia e nuova maniera.
Nel 1977, un'occasione d'oro: i Bee Gees compongono la colonna sonora per un film che s'intitola "Saturday night fever": un successo immediato, comprendente brani destinati a far la storia del pop, coe "Stayin’ alive" e "Night fever".
Alla fine degli anni '70, l'inizio di un altro periodo buio. I Bee Gees collaborano a un film "ispirato" alla vita dei Beatles: un flop. Il gruppo raggiunge il numero 1 nella classifica dei singoli Usa altre tre volte, ma i suoi giorni sono contati. I Bee Gees restano virtualmente invisibili fino alla fine degli anni '80; compongono brani per Barbra Streisand, Diana Ross e altri. Nel 1987 tentano di tornare alla ribalta con E.S.P., un album che ottiene buon successo in tutto il mondo, cui segue ONE (1989), abbastanza fortunato. Nel 1998 il trio pubblica il suo secondo album live, LIVE - ONE NIGHT ONLY, e nel 2001 arriva THIS IS WHERE I CAME IN.
Dopo la morte di Maurice nel gennaio 2003, Robin inizia una tournée senza il fratello in Germania, Russia e Asia. Durante il gennaio 2005, Barry, Robin e altre leggende del rock registrano GRIEF NEVER GROWS OLD per raccogliere fondi a seguito dello tsunami che ha colpito il sud est asiatico.
L’anno successivo, i due Bee Gees si riuniscono a Miami per un concerto di beneficenza per il Diabetes Research Insitute: si tratta della loro prima esibizione pubblica dopo la morte del fratello. A maggio inoltre suonano al trentesimo anniversario del Prince’s Trust Concert in Gran Bretagna. (21 mar 2008)