Biografia

Il materiale contenuto in questa biografia è tratto da un comunicato stampa inviato dai diretti interessati. Rockol lo pubblica senza assumere responsabilità sui contenuti, che non sono stati sottoposti a verifica redazionale.

I BADLANDS nscono nel 1996, dall’idea di creare un tributo a Bruce Springsteen (che ormai da tempo aveva intrapreso tours ‘unplugged’) che facesse rivivere al pubblico italiano il Boss “elettrico”. L’idea, subito apprezzata da tutti i fans’ (che sentivano nostalgia della E-Street band), ha permesso ai BADLANDS di suonare ovunque, e di essere invitati a numerose manifestazioni di rilievo. Nel gennaio l’inserimento alla voce di Icio Caravita, i BADLANDS affrontano un nuovo tour, il “Restless nights” tour 2000, durante il quale hanno guadagnato incredibili riconoscimenti da parte dei fans’ per l’entusiasmo e la grande professionalità I BADLANDS sono stati tra i protagonisti del primo “Happy Birthday Bruce!”, tenutosi al Palaconcerti Acquatica per festeggiare i 50 anni del Boss, e che, sulla scia del successo ottenuto lo scorso anno, si ripeterà il prossimo 23 settembre 2000, sempre a Milano (luogo ancora da definire). Caratteristica dei BADLANDS, oltre all’energia che sprigionano durante i loro show, è la scelta della scaletta in cui hanno deciso di affiancare ai classici come “Born to run”, “Thunder Road”, “Born in the U.S.A.” e “Dancin’ in the Dark” (in cui il cantante invita una ragazza a ballare sul palco, proprio come nel video), brani più particolari come “Tenth Avenue Freeze Out”, “Jungleland”, “Darkness on the edge of town”. Lo spettacolo, sempre più coinvolgente e sempre più acclamato, risulta trascinante anche per i non Springsteeniani, ma che si considerino amanti del rock’n’roll ! Nel “Badlands Fans’ Book” sono raccolti i fans’ che hanno assistito ai loro concerti e che desiderano ricevere informazioni sull’attività della band. Ulteriori notizie sui BADLANDS si possono trovare on line nella web fanzine “Greasy Lake” . Alcuni concerti dei BADLANDS sono aperti dalla performance coinvolgente – voce, chitarra e armonica – di DANIELE TENCA, che esegue in acustico alcuni brani più intimisti del repertorio di Bruce Springsteen. (01 ott 2002)