«LIVE VOODOO - Jane's Addiction» la recensione di Rockol

Jane's Addiction - LIVE VOODOO - la recensione

Recensione del 17 set 2010

La recensione

Rivedere i Jane's Addiction in formazione originale è un evento più unico che raro. Eppure è successo, a cavallo tra il 2008 e il 2010. In quel periodo per una serie di concerti il gruppo è tornato ad essere proprio lo stesso degli inizi, quando era un punto di riferimento l'alternative rock americano e non solo: Perry Farrell alla voce, Stephen Perkins alla batteria, Eric Avery al basso e naturalmente Dave Navarro alla chitarra. Ora a celebrare quella reunion ci pensa "Live Voodoo", DVD registrato il 31 ottobre del 2009 al Voodoo Experience di New Orleans. La notte di Halloween non poteva non essere adatta per il gruppo di Los Angeles, a suo agio in quest'amosfera tra il crepuscolare e il pacchiano.
Il repertorio scelto da Farell e soci è volutamente "antico": le canzoni sono estratte solo dai primi due album "Nothing's Shocking" e "Ritual de lo Habitual". La stessa scenografia del palco, con tanto di ballerine-gemelle (come nella copertina del primo album) richiama fortemente gli anni degli esordi. Di "Strays" dunque, infelice album datato 2003, non c'è praticamente traccia. Non potevano mancare invece classici come "Been caught stealing", "Jane Says", "Ocean size" e "Mountain song".
La qualità del DVD è buona: le immagini sono pulite e le inquadrature azzeccate, senza troppi eccessi o virtuosismi. Si poteva fare qualcosa in più sul suono, che a tratti non è pulitissimo. Il fatto di esibirsi a New Orleans poi non poteva che aggiungere fascino, visto che il concerto si è svolto a tre anni di distanza dall'uragano Katrina, più volte ricordato da Farrell e Navarro tra una canzone e l'altra.
Ecco, al di là del clima idilliaco che si registra in questo DVD e al fatto di rivedere i "veri" Jane's Addiction, dobbiamo dire a conti fatti il risultato non è il massimo. Gli anni si fanno sentire e la chimica tra i membri del gruppo non è più quella di una volta. In particolare Perry Farrell, dopo anni di dipendenze e eccessi, con la voce fatica davvero molto. E quindi le canzoni ne risentono, soprattutto quando il frontman cerca troppo l'interazione con il pubblico per compensare i suoi limiti. Gli episodi migliori, a parte qualche divertente siparietto con le ballerine, sono i momenti più psichedelici e strumentali in "Three days", "Ted, just admit it" o "Summertime rolls", dove Navarro può tirare libero sfogo alla sua chitarra hendrixiana e Eric Avery ai suoi martellanti riff di basso. Insomma "Live Voodoo" non è proprio un DVD memorabile, a parte forse per i fan dei Jane's Addiction.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.