«AMARAMMORE - Neffa» la recensione di Rockol

Com'è il disco tutto in napoletano di Neffa?

Fa sorridere ascoltare Neffa con l'autotune. I ragazzini storceranno il naso, ma merita rispetto. Già solo per il coraggio dietro un progetto del genere, che sfida ogni logica di marketing, e la testa alta. La recensione del nuovo album "Amarammore".

Recensione del 02 apr 2021 a cura di Mattia Marzi

Voto 7/10

La recensione

Perché un artista che non pubblica un nuovo album di inediti da sei anni dovrebbe tornare sulle scene con un disco tutto in napoletano, sfidando ogni logica di marketing? Semplice. Perché quell'artista si chiama Neffa, perché in fin dei conti le sue soddisfazioni nel corso di una carriera trentennale se le è prese (eccome: da "Aspettando il sole" a "Dove sei", passando per "La mia signorina", "Prima di andare via", "Le ore piccole", "Lontano dal tuo sole", la sua è una discografia fatta di hit) e perché chi conosce la sua storia un album come questo "Amarammore" lo aspettava da tempo. E sapeva che prima o poi sarebbe arrivato.

I precedenti

Nato a Scafati, in provincia di Salerno (da madre salernitana e papà napoletano), alla canzone partenopea Giovanni Pellino deve molto e non ha mancato di omaggiarla, in passato. Quando Ozpetek gli chiese un brano per la colonna sonora di "Saturno contro", gli mandò "Passione", in cui rielaborava a modo suo l'eredità di Roberto Murolo (nel 2007 ci vinse un David di Donatello). E nel 2016, a Sanremo, per la serata delle cover scelse di ricordare Carosone con "'O sarracino", suonata insieme ai Bluebeaters. Sono state proprio le sue radici a tendere la mano a Neffa in un momento di blocco. È successo tra la fine del 2019 e i primi mesi del 2020: un processo di scrittura incontrollabile ha rapito il cantautore portandolo a scrivere in un paio di mesi una trentina di brani. Tutti in napoletano. Li ha prodotti e arrangiati da sé (non tutti sono finiti nel disco).

Più side project che album

Convincere i discografici a investire in un progetto del genere, che suona più come un side project che come un album vero e proprio, non dev'essere stato semplice.

Forse la presenza tra gli ospiti di rapper di nuova generazione e che piacciono ai giovani come Rocco Hunt (in "Amarammore"), Livio Cori ("Nn'è cagnato niente") e Coez (anche lui ha origini campane, a dispetto della calata romana - duetta con Neffa nel singolo "Aggio perzo 'o suono", prodotto da TY1, dj salernitano già al fianco di Clementino e Speranza) ha agevolato le cose: fatto sta che il disco è qui - sopra c'è il marchio della rinata Numero Uno - e chissà che non si riveli un piccolo cult. Farà storcere il naso ai ragazzini: "Questo boomer si è messo a fare Liberato", diranno.

Antico e moderno

E in effetti fa un certo effetto ascoltare Neffa con l'autotune (come su "Catene").

Ma già solo per il coraggio e la testa alta merita rispetto: con "Amarammore" l'anno scorso aveva anche provato a partecipare al Festival di Sanremo, ma quando gli hanno detto che avrebbe dovuto riscrivere in italiano parte del testo, ha preferito rinunciare a una vetrina così importante pur di non snaturare il progetto. Che non è esattamente un'operazione simile a quella fatta recentemente da Gigi D'Alessio (nel suo ultimo album, "Buongiorno", il cantautore partenopeo ha rivisitato alcune sue canzoni insieme ad rapper e trapper di Napoli e dintorni), ma un lavoro molto più ambizioso, antico e moderno al tempo stesso. Antico come il dialetto, che Neffa rilegge strizzando l'occhio all'urban (e sì, pure a Liberato, tra amori, abbracci negati, il bisogno di tornare alle radici per sciogliere le ali). Moderno come i suoni, con sintetizzatori, tastiere e beat che tessono un'idea di nu soul flegreo che oscilla tra serenate moderne ("T'aggia veré") e flussi di coscienza r&b ("Piccerè"). Sorpresa nella sorpresa, Neffa torna anche a rappare: stavolta alla luce del sole, non come aveva fatto nel 2013 ne "L'anima", la ghost track di "Molto calmo".

TRACKLIST

01. Fujevo (02:53)
02. Aggio Perzo 'o Suonno (feat. Coez, prod. TY1) (03:02)
03. Piccerè (02:57)
04. Affianc'a Te (02:49)
05. Nn'è Cagnato Niente (feat. Livio Cori) (03:29)
06. T'Aggia Verè (03:45)
07. Si Me Salve Tu (02:57)
08. AmarAmmore (feat. Rocco Hunt) (02:57)
09. Catene (03:14)
10. Saccio Ca Putesse (03:22)
11. Speranza (03:38)
12. N'Abbraccio (01:38)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.