«US + THEM - Roger Waters» la recensione di Rockol

"Us + Them" di Roger Waters è anche un grande album dal vivo

Esce anche in versione solo audio la registrazione del tour del 2017-18 dell'ex-link Floyd

Recensione del 06 ott 2020 a cura di Gianni Sibilla

Voto 8/10

La recensione

Tra l'anno scorso e questo, vi abbiamo parlato spesso di “Us + Them”, la documentazione del tour che Roger Waters ha portato in giro per il mondo nel 2017-18: ora è uscito anc anche in versione fisica - sia audio, e di questo parliamo - sia in versione DVD/Blu-Ray (per la quale vi rimandiamo a questa recensione per il film)

La storia del tour e del film
156 spettacoli e 2,3 milioni di persone, e una delle scenografie più spettacolari messe in piedi dall'ex-Pink Floyd. Bastano questi dati per dare le dimensioni del tour "Us+Them": iniziò nel maggio 2017 in America, per sbarcare in Europa e Italia nel 2018, prima in primavera nei palazzetti di Milano e Bologna, poi in estate a Lucca e Roma, nella sua configurazione all'aperto: le due versioni erano infatti leggermente diverse nella scenografia, con la prima - quella al chiuso - che prevedeva uno schermo sospeso per lungo sopra la platea, mentre la seconda un megaschermo dietro il palco. In entrambi i casi la narazione era la stessa, con lo schermo che nella seconda parte dello show diventa la Battersea Power Station ritratta sulla copertina di "Anmals", in contemporanea all'esecuzione di "Dogs" e "Pigs (Three Different Ones)", tratte dall'album.
Il film-concerto è stato presentato a Venezia nel 2019 ed è diretto da Sean Evans e Roger Waters, girato allo Ziggo Dome in Amsterdam, nel giugno 2018. Dopo un'anteprima in digitale, viene messo in vendita in questi giorni , in Blu-ray, dvd, assieme alla versione audio doppio cd e triplo vinile. 

Caricamento video in corso Link

L'album dal vivo
Lo show è pazzesco visivamente, e anche di questo ne abbiamo già parlato in abbondanza al tempo: è in linea con le mega produzioni di Waters, un continuo "effetto wow" di messe in scena delle canzoni. Quando ho visto lo show per la prima volta nell'aprile del 2018 a Milano però cosa mi colpì fu il suono della band. Lo dico con un po' di distacco da ascoltatore che ama i Pink Floyd senza essere però un mega-fan della band. A spiccare era il chitarrista principale Dave Kilminster - collaboratore di Waters da tempo. Ma secondo me le armi segrete - per così dire - sono state Jonathan Wilson, già coinvolto in studio in "Is This the Life We Really Want?", e le Lucius molto più che coriste. In particolare Wilson: è di estrazione differente - arriva dal suono americano, dalla psichedelia e dal cantautorato: come produttore e cantautore è considerato il responsabile del revival del Laurel Canyon negli ultimi anni - ma si è adattato alla perfezione, prendendosi in carico con personalità il ruolo di spalla sia strumentale (seconda chitarra) sia di voce (a lui sono affidate diverse canzoni, in vece di Gilmour).
In questi giorni - il disco è uscito venerdì 2 - ho riascoltato diverse volte il concerto:  il miglior complimento che gli si può fare è che è che un grande album dal vivo anche senza l'apparato spettacolare. La prima parte è un mix tra classici e una sequenza centrale derivata dall'ultimo album, e la seconda parte è dedicata in parte ad "Animals", in parte a "The dark side of the moon" .

La sequenza imperdibile
"Dogs" e "Pigs (Three Different Ones)": i 27 minuti e mezzo inziali del secondo atto, sono strepitosi. Una cavalcata che rende onore ad un grande album - poi, certo: non sono i Pink Floyd, ma l'esecuzione è impeccabile.

Peccato solo che nell'album dal vivo non ci sia nessuna delle canzoni spesso suonate come bis: compaiono due reprise di "The Last Refugee" e "Deja vu", ma sono assenti "Confortably numb" (che compare invece nelle bonus tracks della versione video assieme a "Smell the roses") né nessuna delle varie performance che sono cambiate nel corso del tour, né "Mother". È l'unico difetto di un album dal vivo notevole.

TRACKLIST

#1
01. Intro - Live in Amsterdam, June, 2018 (01:42)
04. One of These Days - Live in Amsterdam, June, 2018 (05:27)
08. Welcome to the Machine - Live in Amsterdam, June, 2018 (08:02)
13. Happiest Days of Our Lives - Live in Amsterdam, June, 2018 (01:36)

#2
05. Brain Damage - Live in Amsterdam, June, 2018 (04:32)
07. The Last Refugee (Reprise) - Live in Amsterdam, June, 2018 (01:28)
08. Déjà Vu (Reprise) - Live in Amsterdam, June, 2018 (02:30)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.