«IN A LIFETIME - Clannad» la recensione di Rockol

L'ultimo viaggio dei Clannad

Per la band del Donegal, un doppio album con due inediti per celebrare 50 anni di carriera.

Recensione del 02 apr 2020 a cura di Paolo Panzeri

Voto 7/10

La recensione

Quando vengono pubblicati i 'greatest hits' di un artista oppure di una band, soprattutto quando questi hanno alle spalle decine di anni di carriera, ci si può ritrovare malinconicamente a pensare a come un lungo viaggio professionale infine possa infine essere riassunto dentro un paio di dischetti.

Certo, per giungere a compilare quei dischetti il cammino è quasi sempre stato faticoso, pieno di gioie e di dolori, di successi e di momenti difficili, di passi in avanti e di altri indietro. Così va la vita, in fondo. E' così è stato anche per i Clannad con l'antologia "In a Lifetime", un titolo che non ha bisogno di ulteriori spiegazioni, e, congiuntamente a questa, hanno annunciato un tour di addio, un ultimo tour per salutare e ringraziare il pubblico. Uno di questi concerti, l'unico in Italia, è in programma al Phenomenon di Fontaneto d'Agogna, in provincia di Novara, il prossimo 26 maggio. Ma l'emergenza Coronavirus, che sta stravolgendo le nostre vite dandole un brusco stop, ha bloccato anche le attività musicali dal vivo – fatta eccezione per quelle fatte dal salotto di casa -, quindi la formazione irlandese probabilmente dovrà rinviare a più avanti il tempo dei saluti.

Coronavirus a parte, il piano dei Clannad era quello di pubblicare "In a Lifetime" per 'scaldare' la fanbase nell'attesa dei concerti che sarebbero dovuti giungere poco dopo. Il doppio album è un buon compendio alla produzione della formazione irlandese, con l'aggiunta di due brani inediti "A Celtic Dream" e "Who Knows (Where The Time Goes)", entrambi prodotti dall'ex Buggles e Yes, Trevor Horn. Il disco è un tributo a una carriera che ha preso il via da un paesino del Donegal, Gaoth Dobhair (in gaelico), o, in alternativa, e in lingua inglese, Gweedore – la contea più a nord d'Irlanda, quella che confina a est con l'Irlanda del Nord. Per dire, quanto le radici siano profonde e importanti per i Clannad, il loro nome è una contrazione di una espressione gaelica che, tradotta, sta a significare 'la famiglia di Dobhair'. Un amore per le proprie radici che si riverbera nella proposta musicale, un tripudio di atmosfere folk e bucoliche, supportate da chitarre, flauti, flautini e, innanzi a tutto, da delicate armonizzazioni e magici intrecci vocali che trasportano chi è all'ascolto nelle ventose e verdissime lande irlandesi.

Il titolo della raccolta oltre che essere esemplificativo, ricorda l'omonima canzone pubblicata nel 1985, il loro maggiore successo, ottenuto anche grazie alla partecipazione del cantante degli U2 Bono.

Da quel momento in poi i Clannad si aprirono maggiormente alle sonorità pop ed ebbero un discreto riconoscimento internazionale, senza per questo motivo scordare in alcun modo i suoni della loro terra d'origine. In questi anni non sono mancate altre raccolte del gruppo, pubblicate anche per supplire alle rare uscite di album composti da inediti, fermi a "Landmarks" del 1997, eccezion fatta per "Nadur", uscito nel 2013. I due brani inediti inclusi "In a Lifetime" sono posti ad aprire e chiudere. I loro titoli e la posizione nella tracklist non sono frutto del caso: "A Celtic Dream", delicata e volatile, sottolineata da flauto e arpa, rappresenta quel sogno celtico che i Clannad avevano agli inizi della carriera quando tra i loro principali desideri c'era anche quello di cantare dei miti e delle leggende della loro orgogliosa terra proprio come cantano in questo brano; mentre "Who Knows (Where The Time Goes)" è una riflessione sull'inesorabile scorrere del tempo, quanto mai puntuale trattandosi di un congedo (almeno dai concerti). Un tempo che i Clannad hanno deciso di non attendere fosse lui a decidere di scrivere la parola fine alla loro avventura. Hanno quindi raccolto nelle loro mani passato e futuro e chiuso bottega. Può bastare così.

TRACKLIST

01. A Celtic Dream (05:22)
02. Thíos Cois Na Trá Domh (03:05)
04. Eleanor Plunkett (02:46)
06. Dúlamán (04:28)
07. Two Sisters (04:09)
08. dTigeas a Damhsa (01:21)
11. Crann Úll (03:39)
13. Mhórag'sNa Horo Gheallaidh (01:42)
15. Newgrange - 2003 - Remaster (04:02)
16. Robin (The Hooded Man) - 2003 - Remaster (02:45)
17. Strange Land - 2003 - Remaster (03:11)
18. Closer To Your Heart - 2003 - Remaster (03:27)
19. In A Lifetime - 2003 - Remaster (03:08)
20. Almost Seems (Too Late To Turn) - 2003 - Remaster (04:45)
21. White Fool - 2003 - Remaster (04:41)
22. Something to Believe In - 2003 - Remaster (04:45)
23. Atlantic Realm (03:49)
24. Voyager (03:17)
26. Hourglass (04:18)
27. Rí Na Cruinne - 2003 - Remaster (04:01)
28. Poison Glen - 2003 - Remaster (03:54)
29. Na Laethe Bhí - 2004 - Remaster (05:20)
31. Crói Cróga - 2004 - Remaster (04:59)
32. A Bridge (That Carries Us Over) - 2004 - Remaster (04:28)
33. A Mhuirnín Ó - 2004 - Remaster (04:53)
34. The Bridge of Tears - 2004 - Remaster (03:59)
35. Vellum (04:45)
36. Brave Enough (04:11)
37. Who Knows (where the time goes) (04:15)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.