«ATTO ZERO - Anastasio» la recensione di Rockol

Anastasio, alla prova di maturità, si trasforma nel “Sabotatore”

Il primo album del rapper, “Atto Zero”, gira intorno a un personaggio in cui si cela il significato del progetto: 11 brani in cui metafore intricate e flussi di coscienza si incastrano

Recensione del 07 feb 2020 a cura di Claudio Cabona

La recensione

“Atto Zero” è il primo album ufficiale di Anastasio e rappresenta una prova di maturità per il rapper campano. La produzione artistica è firmata da Slait, Stabber e Alessandro Treglia e, nella sua eterogeneità sonora, rappresenta il primo vero capitolo della sua storia artistica, dopo l’uscita dell’ep “La fine del mondo” nel 2018. Dentro gli undici brani del progetto, oltre alle intricate metafore che hanno sempre caratterizzato la scrittura del ventiduenne, si possono trovare domande esistenziali, visioni apocalittiche, rabbia e voglia di scrollarsi dalle spalle il “peso del mondo”.

Zero feat, e questo per un album rap del 2020 è una notizia. Il progetto non è un concept, ma gira intorno a una figura, e a una canzone, che è la chiave per leggerne il vero significato: il Sabotatore. Il brano omonimo è un flusso di coscienza, che descrive il momento in cui l’ispirazione si impossessa di un artista. È uno dei pezzi più interessanti non solo perché rappresenta il fulcro del disco, ma per la sua spontaneità e immediatezza. Anastasio qui si sfoga, rappa senza l’ansia o la necessità di dover infarcire tutto con frasi altisonanti o visionarie. È una canzone grezza, vera. A fare da contraltare, il brano sanremese “Rosso di rabbia”, che invece descrive una rabbia, una rivoluzione fallita. È il mancato risultato del Sabotatore, colui che Anastasio vorrebbe sempre essere perché capace di distruggere gli argini e di andare oltre i confini. L’approccio, in molti frangenti di “Atto zero”, è fortemente cantautorale e densissimo di parole.

Dai voli pindarici alle “fotografie di casa”: in “Cronache di gioventù metese” il rapper racconta la sua crescita nella provincia sorrentina, in “Narciso” si concreta sul momento dell’assentarsi da se stessi. Da evidenziare il connubio musica-teatro, già sperimentato in passato dal rapper, presente nel pezzo “Il fattaccio del vicolo del Moro”, liberamente ispirato al monologo “Er fattaccio” del 1911 del poeta Amerigo Giuliani. Non c’è solo questo. Stiamo pur sempre parlando di un ragazzo giovane, poco più che ventenne, ed ecco quindi spuntare anche canzoni più leggere e ironiche come “Il giro di Do”. Le varie sfaccettature tematiche dell’album si riproducono anche sul fronte sonoro: ci sono pezzi rap più alla vecchia maniera, sonorità che ricordano quelle più scure della trap, elettronica, canzoni chitarra e voce e anche approcci più rock. Tutto ruota intorno alla scrittura dell’ex vincitore di X Factor, che è il suo principale tratto distintivo e che rappresenta il trampolino, costruito su diversi approcci sonori, con cui tenta di fare un salto in avanti.

TRACKLIST
Tracklist
Atto zero
Narciso
Straniero
Cronache di gioventù metese
Rosso di rabbia
Il sabotatore
Il giro di Do
Castelli di carte
VBBN
Il fattaccio del vicolo del Moro
Quando tutto questo finirà

TRACKLIST

01. ATTO ZERO (01:56)
02. Narciso (02:36)
03. Straniero (02:57)
05. Rosso di rabbia (03:13)
06. Il Sabotatore (02:54)
07. Il giro di Do (02:17)
08. Castelli di carte (02:58)
09. VBBN (02:33)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.